Opere di Pirandello: riassunto

Appunto inviato da wavedavide
/5

Le principali opere di Luigi Pirandello. Breve riassunto delle opere di Pirandello (3 pagine formato doc)

OPERE DI PIRANDELLO: RIASSUNTO

Pirandello pone al centro della sua opera quella che è l’identità perduta dell’uomo del 900, le sue opere sono tutte storie di vite quasi claustrofobiche perché imprigionate di una società che gli impone di essere in maniera diversa da quello che sono.

Pirandello questo lo esplicita nei romanzi e ancor di più nel teatro in cui si vede chiaramente la possibilità di coprire più ruoli differenti dal nostro io, infatti Pirandello dirà che lui vuole mettere a nudo le maschere attraverso il teatro.  Oltre a questa produzione Pirandello è note anche per la raccolta di novelle “Novelle per un anno”, raccolta che comprende 365 novelle ed è probabile che Pirandello avesse voluto rifarsi al modello di Boccaccio (Decamerone), così decide di scrivere una novella per ogni giorno dell’anno e per la prima volta vediamo come attraverso le novelle la finalità che assume la letteratura per Pirandello.

Vita, opere e teatro di Luigi Pirandello: riassunto


PIRANDELLO OPERE PRINCIPALI: RIASSUNTO

Per lui la letteratura deve seminare il caos, cioè deve non proporre delle certezze ma deve seminare dei dubbi nel lettore, questo è quello che fa nelle sue novelle nelle quali troviamo personaggi bizzarri anzi molte novelle saranno il soggetto di riduzioni teatrali come per esempio “La patente”, attraverso queste novelle lui inizia a creare quell’uniforme scenario che poi sarà tipico dei suoi romanzi. La distribuzione di tutte queste novelle non segue nessun criterio né hanno un ordine specifico, l’unica cosa che va notata è che alcune novelle, soprattutto nelle prime, si assiste ad una vicinanza all’ambiente verista perché Pirandello, essendo Siciliano, si è formato comunque in un contesto del verismo e in alcune di esse lui descrive i personaggi di quel particolare contesto siciliano.

Pirandello scrive anche romanzi e i più importanti sono: “L’esclusa” e “Ciak si gira” meglio conosciuto come “Quaderni di Serafino Gubbio operatore”.

Luigi Pirandello: riassunto di vita e opere


LUIGI PIRANDELLO OPERE: L'ESCLUSA

L’esclusa è un romanzo molto particolare, si avvicina al contesto verista perché parla di una donna siciliana che viene abbandonata dal marito che la considera un adultera perché ha ricevuto una lettera d’amore da un ammiratore, il marito geloso suppone un tradimento e ripudia la moglie che torna nella casa paterna. La cosa paradossale è che lei, dopo la morte del padre, perpetrerà veramente e quando sarà diventata adultera il marito crede alla sua innocenza e la riaccoglie in casa. Quindi c’è da una parte  la tipica mentalità siciliana fatta di pregiudizi, dall’altra c’è questa analisi psicologica del personaggio poiché dopo la morte del padre la ragazza si sentirà esclusa dal nucleo familiare.

Riassunto su Luigi Pirandello


PIRANDELLO: OPERE PIU' IMPORTANTI

Nell’altro romanzo, “Quaderni dei Serafino Gubbio operatore”, tratta una tematica più moderna. Serafino è un cine-operatore che lavora per una casa cinematografica e un giorno mentre gira le scene di un film assiste ad un omicidio seguito da una tragedia, cioè un attore uccide la sua compagna per gelosia e successivamente viene sbranato da una tigre, ma Pirandello vuole porre l’attenzione sulla reificazione, termine che viene dal latino e vuol dire che l’uomo (caso specifico del cine-operatore) viene ridotto ad una macchina poiché lui perde la sua dimensione umana non intervenendo per salvare la donna. Ritroviamo quindi un concetto ancora oggi esistente, quello della automazione cioè quel fatto che noi facciamo tutto automaticamente perdendo quella che è la nostra identità umana cioè il nostro io. Per altro affronta questo tema perché è un periodo in cui la cinematografia, quindi è come se volesse dare un allarme di come questo avanzamento della società comporta una perdita della nostra natura e ci riduciamo a delle macchine. 

Poetica di Pirandello: riassunto