Recensione Bianca come il latte, rossa come il sangue

Appunto inviato da bonottoludovica
/5

Recensione e riassunto del romanzo "Bianca come il latte rossa come il sangue" di Alessandro d'Avenia, con informazioni sull'autore e commento personale (1 pagine formato doc)

RECENSIONE BIANCA COME IL LATTE, ROSSA COME IL SANGUE

Analisi del libro “Bianca come il latte rossa come il sangue“ di Alessandro d'Avenia.

Alessandro d’Avenia nasce a Palermo il 2 Maggio del 1977. Nel 1990, si iscrive al liceo classico Vittorio Emanuele II di Palermo e una volta diplomatosi, nel 1995 si trasferire a Roma dove frequenta la facoltà di lettere classiche presso l’Università La Sapienza. Dopo essersi laureato, nel 2004 consegue il dottorato di ricerca in letteratura greca.
In seguito diventa insegnante di greco e latino, contemporaneamente inizia la sua carriera come scrittore, esordendo con il libro ”Bianca come il latte rossa come il sangue” nel 2010, che in breve tempo diventa un best-seller e viene pubblicato in venti paesi stranieri. Alessandro ha inoltre collaborato come pubblicista sui quotidiani italiani Avvenire e La Stampa.

Bianca come il latte, rossa come il sangue: recensione


BIANCA COME IL LATTE ROSSA COME IL SANGUE RIASSUNTO DETTAGLIATO

Il suo primo libro parla di un sedicenne, Leo, che come tutti i suoi coetanei  vive la scuola come uno strazio. Un giorno, nella sua classe arriva il nuovo supplente di storia e filosofia. Questo giovane insegnante è diverso dagli altri e a Leo basta poco per capire che è lì per spronarli e per condurli a realizzare i loro sogni. Il pensiero di Leo è così influenzato da questa nuova figura che lui soprannomina “il Sognatore” e grazie a lui capisce qual è il suo sogno. Il suo sogno è color rossosangue come i capelli di Beatrice e come l’amore che prova per lei. Lei ancora non lo sa che per lui è tutto ciò che conta. Quando Leo viene a sapere che lei è malata di leucemia, le confessa ciò che prova e tenta in tutti i modi si salvarla con il suo amore, a tal punto da isolarsi dai suoi migliori amici, Niko e Silvia. Quando Beatrice muore, si ritrova così a lottare da solo tra quel colore rosso e quel bianco insignificante di cui lui ha tanta paura perché simbolo di silenzio, solitudine, privazione, assenza e perdita.

bianca come il latte, rossa come il sangue riassunto


BIANCA COME IL LATTE ROSSA COME IL SANGUE COMMENTO PERSONALE

Intanto Silvia gli spedisce una lettera dove si confessa e cerca di rimettere a posto il loro rapporto. Dopo averla letta, lui comprende che nonostante ciò che è accaduto, deve rialzarsi in piedi, prendere coraggio e iniziare a credere in qualcosa di più grande perché la vita continua il suo corso. Quando rincomincia la scuola Leo, parla con Silvia e i due capiscono di esser fatti l’uno per l’altra.
Ho letto tutto d’un fiato questo libro che ha saputo commuovermi, dal linguaggio semplice e scorrevole, in cui qua e là compaiono termini e modalità comunicative tipiche del periodo dell’adolescenza. A mio parere è un libro che dovrebbero leggere tutte le persone che ogni giorno si trovano in contatto con gli adolescenti, per riuscire ad intendere maggiormente il loro modo di porsi, le loro ansie e paure, e “Il sognatore” è un modello ideale che i professori dovrebbero seguire per riuscire a far questo. Un altro motivo per cui ritengo bello e coinvolgente questo libro, è il fatto che la storia sia scritta in prima persona perciò tramite gli occhi del protagonista riusciamo a scoprire il suo mondo, e attraverso il suo cuore, ci sentiamo partecipi delle sue stesse emozioni, della sua felicità e del suo dolore. Infine, considero il libro di carattere educativo perché l’autore nel narrare la storia ha saputo presentare in modo completo la figura dell’adolescente in ogni sua sfaccettatura e dimensione.

Bianca come il latte, rossa come il sangue di D'Avenia: riassunto e commento