Riassunto sull'età cortese

Appunto inviato da disorderdivision
/5

riassunto sull'età cortese e dei generi letterari di ques'epoca (3 pagine formato doc)

Riassunto sull'età cortese - Nell’alto Medioevo, fino all’undicesimo secolo, la cultura è monopolio della chiesa, la figura dell’intellettuale si identifica con quella del chierico e la lingua esclusiva e il latino.
Il resto della popolazione parla il volgare con uso orale destinato a finalità quotidiane.
In Francia era sviluppata la societa feudale, dominata da un’aristocrazia guerriera composta da principi, duchi e baroni che avevano avuto dei feudi in cambio di servizi militari resi al sovrano. Ma con le continue guerre e faide si rese necessario il ricorso a nuove milizie.
La maggior parte dell’esercito era costituito dalla cavalleria che divenne un vero e proprio ceto sociale.

Leggi anche Riassunto sulle caratteristiche dell'età cortese

Ma con il passare del tempo cominciò a divenire un ceto chiuso e solo chi era figlio di un cavaliere poteva diveltarlo a sua volta. I cardini della visione cavalleresca si fondano sulla prodezza, il senso dell’onore, la lealtà e la fedeltà al sovrano. Un altro principio è che la vera nobiltà è quella dell’animo e non quella data dalla nascita o dal tenore di vita. Questo insieme di valori era fortemente laico e la chiesa non rinunciò a influire su questi: il cavaliere doveva mettersi al servizio dei deboli e degli oppressi, soprattutto delle donne. Nasceva il concetto di guerra santa con gli infedeli musulmani e in concomitanza con le crociate nacquero in Francia la prime gradi opere letterarie in volgare, le canzoni di gesta, che esaltavano le imprese dei cavalieri.

Leggi anche Appunti dal Medioevo all'età cortese

Le canzoni di gesta riflettono la vita feudale semplice e rude. I centri sono le grandi corti della Francia e le idealità cavalleresche si sviluppano dell’ideale cortese, che ne rappresenta una visione piu matura. Alle virtu militari si aggiungono quelle civili: la larghezza o liberalità, cioè il disprezzo di ogni cosa materiale, e la magnanimità, ovvero la capacita di compiere gesti di rinuncia e sacrificio. Acquista un livello primario la donna, che nelle rudi idealità militaresche non aveva posto, e diventa il simbolo della cortesia e della gentilezza.

Leggi anche Appunti sulle canzoni di gesta, il romanzo cortese  e la lirica provenzale