Rosso Malpelo: riassunto

Appunto inviato da carminecuciniello
/5

Rosso Malpelo: riassunto dettagliato dell'opera di Giovanni verga, novella della raccolta Vita dei campi (3 pagine formato docx)

ROSSO MALPELO: RIASSUNTO

Vita dei campi: Rosso Malpelo.

Vita dei campi serie di novelle dove parla delle basse sfere. Verga pone la sua attenzione sul mondo basso, come dice la prefazione “è più facile osservare le lotte che ci sono tra gli uomini per il raggiungimento dei beni primari”. Qui troviamo il narratore polifonico, basso, popolare.
Dal punto di vista contenutistico quello rappresentato è il mondo della sicilia antica (atavica). Il tempo è rappresentato come un tempo mitologico, in questo tempo mitologico abbiamo una Sicilia invariata nel tempo dove si riflettono le tradizioni antiche come il tema della vendetta personale, temi legati alla vita dei campi o quelli legati alle zolfare (realtà economica Siciliana). Il tema della Zolfara verrà ripreso pure da Pirandello.

Rosso Malpelo: riassunto e commento


ROSSO MALPELO: RIASSUNTO BREVE

La zolfara è la miniera dalla quale viene estratto lo zolfo come combustibile per alimentare le stufe anche per l’accensione dei cerini (siamo nella Seconda rivoluzione industriale, l’Italia è arretrata e arroccata). La miniera rappresenta un mondo nascosto, in un mondo chiuso, la zolfara è oscura, è il mondo sotterraneo che pullula di vita sotto il mondo visibile ovvero, il luogo ideale dove rappresentare l’abbruttimento dell’uomo. Parliamo di un mondo impoverito economicamente e umano. In questo contesto, verifica anche che al livello più infimo si scatena la lotta della competizione. In questo contesto spicca la figura di Malpelo, rosso di capelli, nella superstizione popolare chi ha i capelli rossi è malvagio e Rosso Malpelo quindi è un nome parlante che dice della sua personalità.

Rosso Malpelo: riassunto breve


ROSSO MALPELO: RIASSUNTO
DETTAGLIATO

Novità narrativa come I Malavoglia. Rosso Malpelo viene descritto come un personaggio selvaggio, rozzo, malmenato il quale per frustrazione adotta lo stesso stile di vita aggressivo. Il narratore popolare ci fa un resoconto dello spaccato di vita. Ma ad una lettura più attenta possiamo trarre un’altra chiave di lettura. Rosso Malpelo non è un essere inanimato ma un essere psicologico. Di fatti il verismo si interessa molto alla psicologia come alle scienze esatte. Soprattutto Verga pone molta attenzione alla passione, i moti dell’anima e i sentimenti. La sua ostinazione a rimanere nella cava ha una giustificazione, resta li perché quella è la tomba del padre. Fuori dal luogo Rosso non ha più una vita familiare, ma, nella galleria Rosso ha un suo ruolo e un’identità.

Rosso Malpelo: riassunto dettagliato


NOVELLA ROSSO MALPELO

Tutto ciò che gli capita, dal punto di vista del narratore è plausibile, ma Malpelo resta li perché ha bisogno di affetto; il gancio affettivo è dato dal fatto che vuole cercare i resti del padre. Da ciò possiamo notare i valori che Verga mostra di coltivare; quali: l’attaccamento alle persone, la religione dei sentimenti. Malpelo è ricco dal punto di vista interiore. Questa ostinazione di Malpelo viene letta come un sintomo di scempiaggine. Ad un certo punto c’è una svolta nella narrazione, entra un altro personaggio, Ranocchio (epiteto nel mondo animalesco), un ragazzo malato. Malpelo lo prende sotto il suo comando. Ad una prima lettura sembra che Malpelo si sfoghi su Ranocchio dei soprusi che subisce, ma leggendo più attentamente, si evince che Malpelo non fa altro che educare Ranocchio ovvero gli fa da padre.