Lo Scudo di Talos: riassunto

Appunto inviato da unpuntinonelmondo
/5

Lo Scudo di Talos: riassunto dettagliato del libro di Valerio Massimo Manfredi (2 pagine formato doc)

LO SCUDO DI TALOS: RIASSUNTO

Lo scudo di Talos di Manfredi.

Aristarchos, padre di Brithos e di Kleidemos, fu costretto dalle crudeli leggi della città in cui abita, Sparta, ad abbandonare il figlio minore Kleidemos perché ha un piede malformato. Lo trovò e lo allevò Kritolaos che divenne per lui il nonno. Kleidemos o meglio Talos, (nome datogli dalla madre adottiva e da Kritolaos) fu costretto a vivere come un Ilota (servo) per tutta la sua infanzia, visto che anche i genitori adottivi lo erano. Kritolaos, quando Talos fu abbastanza grande, gli mostrò un'antica armatura con rappresentato un lupo, un bellissimo arco di corno e una spada.
Talos imparò a tirare con l'arco e diventò un capacissimo arciere. Un giorno, mentre si trovava con la sua fidanzata, un gruppo di spartiati capeggiato da un tale di nome Brithos, decise di schernirla ma Talos, spinto dall'amore per Antinea (così ella si chiamava), si buttò in mezzo al gruppo e la difese colpendo fortemente gli aggressori che quasi lo uccisero.

Lo scudo di Talos: scheda libro


LO SCUDO DI TALOS: RIASSUNTO CAPITOLO PER CAPITOLO

Quando fu tempo di partire per combattere l'impero persiano, ogni spartiate scelse con sé un ilota. Brithos, volendo conoscerlo meglio, scelse Talos. Dopo aver combattuto duramente per qualche giorno alle Termopili, il re Leonidas decise di rimandare a Sparta Brithos, un suo amico e Talos con un messaggio in cui era scritto che Brithos era fratello di Talos e che il re aveva deciso di salvare i due giovanotti per non far estinguere una delle più nobili famiglie di Sparta; tuttavia durante il tragitto il messaggio venne trafugato da un membro della Krypteia e sostituito con uno vuoto falsificando il sigillo regale.

Scheda libro Lo scudo di Talos: riassunto e personaggi


LO SCUDO DI TALOS: RIASSUNTO CAPITOLO 1

All'arrivo a Sparta gli Efori in riunione con gli Anziani aprirono il messaggio e, vedendolo vuoto, credettero che i ragazzi avessero compiuto questo gesto per sfuggire alla battaglia. Per questo l'onore della famiglia di Aghias (l'amico inviato insieme a Brithos) e della famiglia di Brithos fu infangato. Aghias si impiccò quella stessa notte mentre Brithos si sarebbe pugnalato la sera successiva se non gli fosse arrivato in tempo un pugno da Karas, amico di Talos il lupo, facendolo svenire prima di uccidersi. Quest'ultimo riuscì a convincerlo a battersi insieme a lui contro i persiani senza rivelare loro la sua identità per ripristinare l'onore perduto. Ben presto Brithos conquistò la fama dell'“oplita del dragone” per via della rappresentazione di un dragone rampante sullo scudo.