Ugo Foscolo: vita e opere riassunto breve

Appunto inviato da sharongualtieri
/5

la vita di Ugo Foscolo, il suo pensiero e la sua poetica, le sue opere più importanti, come i Sonetti (Alla sera, In morte del fratello Giovanni, A Zacinto), i Sepolcri, Le ultime lettere di Jacopo Ortis, le Grazie. Riassunto della vita, opere e pensiero di Ugo Foscolo (3 pagine formato docx)

UGO FOSCOLO: VITA E OPERE RIASSUNTO BREVE

Vita.

Ugo Foscolo nacque a Zante da madre greca e padre veneziano. Foscolo ebbe sempre un forte impegno politico ed anche un carattere ribelle e impetuoso, sosteneva gli ideali della rivoluzione francese e fece parte anche dell’esercito napoleonico. Deluso da Napoleone, dopo la firma del trattato di Campoformio, decide di scappare prima a Milano poi a Bologna e infine in Toscana dove si innamora di Isabella Roncioni. Nel 1815 il governo austriaco arriva a Milano e per coerenza con le proprie idee politiche, Ugo Foscolo, preferisce la via dell’esilio prima in Svizzera, in Francia dove conosce Fanny Hamilton, e poi in Inghilterra dove muore a Londra nel 1827.
I suoi resti furono poi, nel 1871, portati in Italia e sepolti nella basilica di Santa Croce a Firenze.

Riassunto della vita e opere di Foscolo


RIASSUNTO SULLE OPERE DI UGO FOSCOLO

Personalità e poetica. Ugo Foscolo fu un poeta di transizione tra il 1700 e il 1800 e subì l’influenza delle correnti letterarie presenti in quel periodo, ovvero l’illuminismo, il romanticismo e il neoclassicismo. Egli si formò sulla base delle dottrine illuministiche, aderì quindi ai principi del materialismo. Tutta via tali principi non potevano soddisfare l’animo di Foscolo nel quale esistevano sentimenti e passioni. Egli è definito anche un neo-classico per la sua predilezione alla compostezza del genere classico, ma anche un pre-romanico per i forti sentimenti che lo agitano, come il patriottismo, la giustizia e la libertà. Avendo subito l’influenza illuminista possiamo dire che i suoi ideali sono rivoluzionari ed egli stesso incarna il letterato libero cercando di rendersi indipendente dal punto di vista letterale, culturale e filosofico. Ma allo stesso tempo è combattuto da un complotto interiore tra il cuore, che lo porta a seguire i suoi sogni, e la ragione, che lo induce al pessimismo. Diede vita perciò ad una sua religione, ovvero la religione delle illusioni.

Ugo Foscolo: riassunto


UGO FOSCOLO: RIASSUNTO PENSIERO

I temi più importanti sono la patria e la morte. Egli fu un uomo molto legato alla sua patria e subì una forte delusione dall’uomo che egli riteneva un  “liberatore” ovvero Napoleone dopo essere venuto a conoscenza della cessione di Venezia agli austriaci. Questo gesto egli lo interpreta come un atto di vigliaccheria e come anche nella sua opere “Le ultime lettere di Jacopo Ortis” egli decide di esiliarsi. Per Foscolo, che non credeva nell’esistenza di una vita ultraterrena, assume particolare importanza il tema della morte che egli non vede  con pessimismo, ma al contrario vede come qualcosa che pone fine alla sofferenza terrena e rimpiange anche la morte in solitudine, lontana dalla sua terra e dai suoi affetti: soltanto questi ultimi possono mantenere vivo il defunto nella memoria e nel ricordo delle sue imprese.

Riassunto su Ugo Foscolo: vita, opere e pensiero


UGO FOSCOLO: VITA OPERE E PENSIERO RIASSUNTO

Le ultime lettere di Jacopo Ortis è un romanzo epistolare, scritto da Ugo Foscolo nel quale egli rappresenta la sua delusione politica che nasce dopo il trattato di Campoformio. Questa opera è considerata la più moderna della letteratura italiana perché mostra la parte interiore dell’autore e inoltre egli tratta i problemi concreti di quel tempo. Ugo Foscolo si ispira ad un ragazzo esistito veramente, Girolamo Ortis, che usa come sua controfigura per esprimere i suoi ideali. Quest’opera prende vita da una serie di lettere che Jacopo indirizza al suo amico Lorenzo Alderani, personaggio immaginario, che dopo il suicidio di Jacopo provvederà alla pubblicazione delle lettere. Il protagonista vide una profonda delusione da colui che considerava un salvatore, Napoleone, così rimedia con l’esilio volontario sui Colli Euganei. Qui vive un tormentato amore per Teresa Bensi, promessa sposa ad un altro. Ciò comporta un'altra delusione molto forte per Jacopo, che decide di suicidarsi. La morte di Jacopo per Ugo Foscolo è vista come un gesto eroico.