La cultura umanistica rinascimentale

Appunto inviato da lucation15111994
/5

riassunto del ruolo dell'arte nella cultura dell'Umanesimo e Rinascimento (10 pagine formato doc)

LA CULTURA UMANISTICA RINASCIMENTALE

L’idea medioevale dello spazio era essenzialmente bidimensionale e ignorava la terza dimensione, la profondità, che sarà introdotta solo nell’Umanesimo con l’invenzione della prospettiva e della simulazione pittorica dello spazio reale.

Il fiorentino Leon Battista Alberti fu una delle figure che diede maggiore risalto alla prospettiva; architetto, matematico, poeta, ma anche linguista, filosofo e musicista, egli fu in contatto intorno al 1434, con quel primo nucleo dei maestri umanisti (Brunelleschi, Donatello, Masaccio) dove erano già visibili i segreti della scienza dello spazio. Fu così che nel 1435 Alberti diede vita al primo trattato mai scritto sulla teoria della pittura, il De Pictura, tradotto da lui in stesso in volgare l’anno dopo, in modo che la prospettiva divenne una tecnica utilizzabile da tutti gli artisti.
Seguirono il suo esempio Piero della Francesca, col De Prospectiva Pingendi, e Leonardo da Vinci, con il suo Trattato della Pittura.

L'arte nell'Umanesimo: Donatello, Masaccio, Alberti e Botticelli


L'ETA' UMANISTICO RINASCIMENTALE

Nella seconda metà del 400 l’intera arte italiana avrà fatta sua la visione prospettica. Inoltre il XV secolo propone una rottura dei canoni ristretti della singola disciplina. Nasce così un genio uniforme, Leonardo da Vinci, artista, pittore, scultore, scienziato, inventore e scrittore caratterizzato proprio dal suo talento universale, che porta però un’irrequietezza ricca di idee geniali, che il tempo non permette di realizzare.

L'architettura dell'Umanesimo: riassunto


L'ETA' RINASCIMENTALE: RIASSUNTO

Un’altra personalità artistica con grandi interessi filosofici fu Sandro Botticelli, che occupò una posizione di primo piano nella cultura umanistica-rinascimentale. Egli per primo affermò l’indissolubile unità tra arte, pensiero filosofico e poesia; infatti Botticelli rifiutava la concezione della pittura quale indagine e forma di conoscenza della natura e della storia, promossa invece da Leonardo, Michelangelo e Raffaello, ma proponeva una concezione dell’arte fondata su un’idea di bello come valore principe e come finalità ultima.

La pittura rinascimentale: riassunto


EPOCA UMANISTICA RINASCIMENTALE

L’inizio dell’età moderna, coincidente con la scoperta dell’America (1492), è segnato da un fenomeno complessivo di rinnovamento del pensiero, delle arti e della società. Il cambiamento degli equilibri politici internazionali e il ruolo periferico dell’Italia sancirono per molti intellettuali del tempo la fine di una fase espansiva che dall’Umanesimo si era sviluppata pressochè ininterrottamente fino al primo trentennio del 500.