Fedro: vita e opere, riassunto

Appunto inviato da federicagaleazzi92
/5

la struttura e stile delle favole (1 pagine formato doc)

Fedro: vita e opere, riassunto.

Nelle sue favole mette in risalto l’ambizione dei poveri e dei deboli a voler emulare i forti e i potenti che però porta l’uomo alla rovina o alla morte
All’interno delle favole c’è una protesta sociale raccontata dal suo punto di vista (quello di uomo schiavo e umile). Nasce in Macedonia ma viene condotto a Roma da bambino, fu schiavo di Augusto che lo liberò per meriti culturali e letterari. Iniziò a comporre favole sotto l’impero di Augusto e venne processato da Seiano (accusator, testis e iudex) che era stato probabilmente offeso da sue illusioni sarcastiche. Continuò a scrivere favole grazie ai suoi potenti amici Eutico, Particulone e Fileto.

Leggi anche La vita di Fedro

Nel prologo al I libro dice di aver preso spunto dalle favole di Esopo -  Andò al di là della tradizione esopica aggiungendo argomenti di derivazione romana.
Scrive in versi invece che in prosa e oltre a far parlare piante e animali fa parlare anche gli uomini. Usa la favola per poter dire ciò che altrimenti non avrebbe potuto dire; è per questo che si serve di allegorie, di simboli e di allusioni per evitare noie da parte del potere politico.

Leggi anche Il Fedro: riassunto e commento

Rappresenta in modo multiforme e vivace la società umana, i suoi vizi, gli errori e i difetti. Ha un forte interesse per i comportamenti degli uomini (soprattutto negativi) e rappresenta esempi di violenza, prepotenza,egoismo, bramosia e cattiveria.