Virgilio

Appunto inviato da kuradokun
/5

Note sintetiche e precise su vita e opere principali dell'autore latino (3 pagine formato doc)

Publio Virgilio Marone nacque vicino Mantova il 15 Ottobre del 70 a.C. Grazie alla sua famiglia abbastanza agiata studiò a Cremona,Milano e Roma.Entrò in rapporti con la comunità epicurea a Napoli dove passò la maggior parte della sua vita adulta.La prima raccolta poetica di Virgilio sono le Bucoliche composte tra il 42 e il 39 a.C dove vengono descritte le confische delle terre da parte di Ottaviano, cui vittima fu anche Virgilio.Dopo la pubbilicazione delle Egloghe Virgilio entrò a far parte del circolo di Mecenate legato ad Ottaviano.Successivamente pubbilicò le Georgiche e l'Eneide.Egli morì a Brindisi nel 19 a.C e sepolto a Napoli.La tradizione vuole che Virgilio volesse bruciare l'Eneide perché priva di previsione.Augusto però incaricò Vario Rufo e Plozio Tucca di curare l'edizione postuma del poema.Virgilio scrisse 3 opere: le Bucoliche di tema pastorale, le Georgiche,poema didascalico e l'Eneide, poema epico.Gli vengono attribuite altre opere ma probabilmente sono di altri autori.

Virgilio si presenta come un poeta ellenistico
.Nelle Bucoliche si rifà agli idilli di Teocrito, fondatore del genere pastorale ed a Callimaco.Nella 6 egloga egli rielabora il proemio degli Aita e propone la recusatio.Egli si rifiuta di affrontare il genere elevato dell'epica dicendo di non essere capace di sostenere un compito così gravoso.Egli preferisce un genere umile.Callimaco fornisce a Virgilio il linguaggio delle Georgiche e dell'Eneide.Nelle Georgiche Virgilio annuncia il passaggio da genere pastorale al più impegnato genere didascalico e in futuro a quello epico.A partire dalle Georgiche affianca i modelli alessandrini a quelli greci arcaici.Nelle Georgiche si rifà ad Esiodo e nell'Eneide alle Argonautiche di Apollonio Rodio,l'Iliade e l'Odissea di Omero, il Bellum Poenicum di Nevio e agli Annales di Ennio.C'è inoltre una forte presenza della poesia neoterica di Catullo,Cornelio Gallo e Lucrezio.
Virgilio è in stretto rapporto con la realtà politica e sociale difatti è un poeta politicizzato.Egli vuole trasmettere anche dei problemi critici di notevole difficoltà.Egli è ricco di contraddizioni e di numerose valutazioni.Già nelle Bucoliche i personaggi sono inseriti in un paesaggio idealizzato, questo si rifà alla confisca delle terre.Nella prima egloga Virgilio è un filo-augusteo e nell'egloga 9 lascia il lettore in una situazione enigmatica

.