Tertulliano: opere apologetiche e antiereticali

Appunto inviato da supergrimmy
/5

breve riassunto di letteratura cristiana sulle opere apologetiche e antiereticali e caratteristiche di Tertulliano e Sant'Agostino (1 pagine formato doc)

TERTULLIANO: OPERE APOLOGETICHE

Letteratura Cristiana: Tertulliano.

Opere apologetiche: in difesa dei cristiani, si aprono con l’Ad Nationes e l’Apologeticum in cui vengono confutate le accuse che venivano fatte ai cristiani (infanticidi, incesti) in ordine di importanza. Secondo Tertulliano sono i pagani a commettere i delitti imputati ai cristiani, i quali sono anche accusati di intolleranza perché impedisco il libero professare di un culto. Vi è un’esaltazione dei cristiani che ormai fanno parte a pieno titolo dell’impero e hanno trovato impiego presso le cariche pubbliche, quindi una loro persecuzione danneggerebbe lo stato stesso.
L’opera si conclude con l’esaltazione del martirio e con l’affermazione che la persecuzione non solo non riesce a distruggere il cristianesimo, ma ne incrementa gli aderenti (il sangue è il seme dei cristiani).

Tertulliano: vita e opere


TERTULLIANO: OPERE

Opere antiereticali: i dissensi dottrinali nella Chiesa diedero il via al sorgere di sette e movimenti dissidenti detti eretici o ereticali. T. è uno dei più importante scrittori antiereticali. Fra i suoi bersagli troviamo il marcionismo, combattuto nell’Adversus Marcionem. Questa dottrina opponeva al dio giusto dell’antico testamento, creatore del mondo sottoposto al male, il dio buono del nuovo testamento, che avrebbe inviato cristo per liberare gli uomini dalla leggere veterotestamentaria. Inoltre Marcione affermava il docetismo, secondo cui gesù non avrebbe avuto un corpo reale ma solo apparente. Viene combattuto anche nel De carne Christi. T. combatte anche lo gnosticismo, che credeva che alcuni uomini eletto avessero la gnosi, ovvero la conoscenza dei misteri divini  e lo fa nell’Adversus Valentinianos.

L'età di Tertulliano: riassunto


Sant’Agostino. Le Confessiones: 13 libri. Il titolo per Agostino ha un valore particolare. Egli proclama la sua fede, si confessa; viene considerata un’autobiografia perché l’autore vi testimonia l’inquieta ricerca della verità e della felicità attraverso la sua vita. Lo stile delle confessioni è caratterizzato da una singolare commistione del linguaggio biblico (citazioni, echi) con la lingua letteraria, in modo da esprimere in maniera originale i sentimenti dell’autore.