Terenzio: vita, pensiero e opere

Appunto inviato da moody92
/5

notizie biografiche di Terenzio e produzione e caratteristiche delle sue opere teatrali, differenze con Plauto. Riassunto della vita, pensiero e opere teatrali di Terenzio (4 pagine formato doc)

TERENZIO: VITA, PENSIERO E OPERE

Il teatro di Terenzio è molto diverso da quello di Plauto, perché più impegnato; se il teatro plautino aveva il fine di far divertire il pubblico, quello di Terenzio è più riflessivo e presenta toni più seri e pensosi.
Il teatro di Terenzio rappresenta il rapporto padre-figlio, quindi mette in scena un conflitto generazionale e non crea un’illusione scenica di rottura con il pubblico, ma cerca di rappresentare la realtà, cosicché lo spettatore si identifichi con quello che porta in scena e lo esorti alla riflessione.
Da Plauto a Terenzio il teatro conosce un’evoluzione non tanto nei modi in cui esso viene rappresentato, ma proprio nei contenuti.
In Terenzio si vorrà riflettere sul conflitto generazionale padre-figlio, che crea dispiacere nel padre, al punto da avere nei confronti di sé stesso un atteggiamento più serio (Heautontimorumenos).
Anche Terenzio scrive commedie che riprende da modelli greci.

Vita e opere di Terenzio e confronto con Plauto


TERENZIO VITA E OPERE RIASSUNTO

Notizie biografiche.

Tutte le notizie biografiche di Terenzio che abbiamo ci sono giunte per tradizione indiretta, cioè che sono stati altri ad avercele procurate, in questo caso grazie al’opera di un grammatico del IV secolo d.C.
di nome Elio Donato ci è giunta una parte perduta del De viris illustribus di Svetonio, un biografo che scrisse le biografie di uomini illustri del passato.
Terenzio è nato intorno al 185 a.C. a Cartagine. Visse poco, ma la sua produzione di commedie fu ricca.
Giunge a Roma, dove fu affrancato dal senatore Terenzio Lucano e comincia a frequentare la società aristocratica e i circoli, dimostrando una tendenza innovatrice di matrice ellenistica.
Il legame con la cultura greca è ravvisato in un viaggio, dove poi egli incontro la morte (160 a.C. circa).

Letteratura latina dalle origini a Catullo: riassunto


TERENZIO OPERE TEATRALI

La produzione. Di Terenzio ci sono giunte per intero 6 commedie, per le quali trae ispirazione da quelle di Menandro.
Le commedie non vengono imitate pedissequamente, ma liberamente rielaborate.
A differenza di Plauto, non riprende dal modello solo le situazioni convenzionali, ma anche le problematiche esistenziali, scelta che permette di connotare il teatro di Terenzio come serio, umano e riflessivo.
Una prima differenza fondamentale rispetto a Plauto e ai modelli è la funzione attribuita al prologo.

Terenzio: vita, opere e stile


TERENZIO E PLAUTO

In Plauto il prologo, spesso in forma acrostica, era finalizzato ad esplicitare l’antefatto e ad anticipare la conclusione, in modo che il pubblico fosse preparato sull’argomento, sacrificando l’effetto suspense.
Terenzio invece utilizza il prologo per difendersi dalle accuse dei suoi detrattori di far uso eccessivo della contaminatio, di aver inserito nelle sue commedie scene di autori romani e di aver fatto da prestanome a personaggi influenti.
La trama del contenuto viene costruita via via attraverso la recitazione dei personaggi e questo crea l’effetto suspense sul pubblico.
In relazione all’accusa di abuso della contaminatio Terenzio si difende citando l’esempio di altri autori latini (Nevio, Plauto, Ennio) che ne avevano già fatto uso.