Le ultime lettere di Jacopo Ortis: commento e spiegazione

Appunto inviato da valepaco
/5

Le ultime lettere di Jacopo Ortis: commento e spiegazione del romanzo epistolare di Ugo Foscolo. Esso rappresenta la sua insanabile amorosa e politica irrequietezza, la «delusione storica» vissuta dalla società italiana tra Settecento e primo Ottocento (2 pagine formato doc)

LE ULTIME LETTERE DI JACOPO ORTIS: COMMENTO

Commento.

Nel romanzo epistolare, le Ultime lettere di Jacopo Ortis (edizione definitiva 1817), Ugo Foscolo rappresenta la sua insanabile amorosa e politica irrequietezza, la «delusione storica» vissuta dalla società italiana tra Settecento e primo Ottocento e il «dramma eterno dell'uomo dominato dalla violenza e dalla paura».
Dopo il trattato di Campoformio, che «trafficò la sua patria, insospettì le nazioni, e scemò dignità» al nome di Bonaparte liberatore, consumatosi il sacrificio di Venezia ceduta all'Austria, Ugo Foscolo, disperato amante senza patria, inizia a scrivere il diario delle proprie angosciose passioni, le Ultime lettere di Jacopo Ortis.
Indiscutibilmente, la contaminazione e la contiguità di vita e letteratura fanno dell'Ortis e un'opera nuova nella storia letteraria e un'opera aperta — tanto quanto aperta e provvisoria, instabile e convulsa fu la vita del suo autore: «libero scrittore», sradicato di terra in terra.

Le ultime lettere di Jacopo Ortis: riassunto dettagliato


LE ULTIME LETTERE DI JACOPO ORTIS: COMMENTO PERSONALE

Pertanto, delusione politica e amore deluso finiscono solamente per sommarsi e giustapporsi in un romanzo epistolare dalla redazione non compiuta e organica ma prolungata e stratificata. Sulla orme della Nouvelle Héloïse di Rousseau e della poesia notturna di Young, nel 1796, sui Colli Euganei, nasce Laura, lettere, una storia d'amore e di suicidio.

Il libro con il titolo definitivo Ultime lettere di Jacopo Ortis prende vita invece a Bologna nel 1798, dopo l'abbandono di Venezia, l'amore breve e violento per Teresa Monti e la lettura de I dolori del giovane Werther di Goethe. Ma presto, in seguito all'arrivo degli Austro-Russi, la stesura si interrompe.
Poi, le battaglie, le inquiete peregrinazioni per l'Italia contesa da eserciti stranieri, l'infelice e travolgente amore per Isabella Roncioni (promessa sposa ad un ricco marchese) e la relazione con Antonietta Fagnani, inducono il Foscolo a una revisione integrale dell'opera giovanile. E al ritorno dei francesi in Italia, mentre le sue idee giacobine e rivoluzionarie entrano definitivamente in crisi, nel 1802, con grande successo in Italia e in Europa, esce a Milano l'edizione di un nuovo Ortis, oramai maturo. Infine, durante l'esilio svizzero, a Zurigo nel 1816 appare una nuova edizione (datata però Londra 1814), cui poi seguirà, frutto di un'accurata e definitiva revisione linguistico-stilistica, l'edizione di Londra del 1817.

Le ultime lettere di Jacopo Ortis: analisi e spiegazione


LE ULTIME LETTERE DI JACOPO ORTIS: SPIEGAZIONE

Dall'adolescenza alla maturità, nel corso delle diverse redazioni, le lettere che il ribelle Jacopo indirizza all'amico Lorenzo Alderani, vanno così adeguandosi al mondo interiore dello scrittore e alla sua vitalità passionale impetuosa e desiderosa di imporre il proprio individuale «sentire». E Jacopo appare sì un tragico eroe alfieriano, ma un eroe alfieriano che con tutta la sua assoluta ansia di libertà contro la tirannide, scende dalle remote e mitiche scene, e viene a vivere e a morire nell'Italia borghese, prosaica e antieroica dell'ultimo Settecento.