Petrarca, la vita

Appunto inviato da giulish1
/5

riassunto della vita di Fracesco Petrarca (2 pagine formato doc)

PETRARCA, LA VITA

Petrarca nacque ad Arezzo il 20 luglio 1304, da una famiglia fiorentina di condizione borghese.

Il padre era notaio, mandato in esilio dopo che i guelfi neri presero il potere a Firenze. nel 1312 in cerca di una sicura sistemazione la famiglia si trasferi' ad Avignone (periodo della cattivita' avignonese).
a 16 anni intrapese gli studi giuridici ma li abbandono' per dedicarsi alla letteratura. nel 1326 torna ad avignone senza aver completato il corso di studi.
visse una vita frivola ma allo stesso tempo si dedico' allo studio di opere classiche.
il suo tener sempre accanto il libro de Le confessioni di Sant'Agostino gia negli anni della formazione delinea la sua tendenza al culto dei classici e un'intensa spiritualita' cristiana.
parlava e pensava solitamente in latino ma coltivando anche il genere della lirica volgare. come solito dei poeti d'amore rivolse la sua poesia ad una donna, di nome Laura (nome che richiama al Lauro, pianta sacra ad Apollo, dio della poesia), donna della quale e' dubita l'esistenza.

Francesco Petrarca: riassunto della vita


PETRARCA VITA RIASSUNTO

L'amore per Laura, che pure fu un amore reale, divenne per il poeta un simbolo attorno al quale far ruotare tutte le sue contraddizioni interiori e le sue debolezze.
La vita di Petrarca non era pero' solo occupata dai rapporti mondani, gli studi e la poesia: egli sentiva anche un forte bisogno di  tranquillita' e di sicurezza materiale: prese percio' gli ordini minori che non implicavano a cura delle anime ma gli permettevano di vivere nell'agiatezza. a questo si contrappone una curiosita' insaziabile di conoscenza che lo spingeva a viaggiare continuamente per poter arrichire la propria cultura con testi latini che giacevano dimenticati.
a questa voglia di cambiamento si contrapponeva la sua tendenza a chiudersi nell'interiorita'. questa tendenza lo porta a ritirarsi a Valchiusa, poco lontano da avignone. Petrarca amava recarsi qui, nei periodi di preoccupazione, dedicandosi alla lettura dei classici, alla scrittura e alla meditazione; e' qui che nasce la gran parte delle sue opere.

Francesco Petrarca: vita, pensiero e opere


PETRARCA VITA IN BREVE

L'attivita' letteraria di Petrarca non era volta solo all'elevazione dello spirito ma aspirava soprattutto ai riconoscimenti. tale suo desiderio fu esaurito nel 1341 quando avvenne la sua incoronazione poetica a roma, sul campidoglio.
a causa del ritiro in convento del fratello gherardo, Petrarca affronta una profonda crisi interiore in quanto lui,  a differenza del fratello, non era mai riuscito a giungere ad una decisione cosi' radicale. emerge chiaramente il suo dissidio, il suo continuo oscillare tra la vita frivola e religiosa.
egli usa il suo esercizio letterario anche come strumento politico:
•    usando il suo prestigio per appoggiare la causa del ritorno del papa a roma, augurando il ritorno della chiesa alla sua purezza originaria;
•    poi si rivolge all imperatore carlo IV di boemia affinche' scenda in italia per ristabilire l'autorita' imperiale.
•    si rivolge a cola di rienzo inviandogli varie lettere esortandolo a perseverare nel suo tentativo di riportare la citta' alla grandezza antica.

Riassunto su Francesco Petrarca: vita e opere


PETRARCA VITA SOLITARIA

Lascia Avignone nel 1347 dal '48 soggiorna a lungo in talia stabilendosi definitivamente a milano nel '53 presso i visconti, poi nel '61 va a venezia per sfuggire ad una pestilenza, infine presso Arqua' nei colli euganei vicino padova.
si spegne definitivamente nella notte fra il 18 e il 19 luglio 1347 (la leggenda vuole che sia morto chinp su un codice del suo amato Virgilio).