Galileo Galilei: riassunto

Appunto inviato da aulusbaculus
/5

Galileo Galilei: riassunto: la biografia, il metodo scientifico, le epistole di Galilei, il Sidereus nuncius, il Saggiatore, il Dialogo sopra i massimi sistemi del mondo, "La vita di Galilei" di Bertolt Brecht (3 pagine formato doc)

GALILEO GALILEI: RIASSUNTO

Galileo Galilei.

1.La vita

La formazione e l’insegnamento universitario
-    Galilei nacque a Pisa nel 1564 da una nobile famiglia fiorentina.
-    Galilei studiò nel convento fiorentino di Santa Maria di Vallombrosa e poi all’Università di Pisa. In questo periodo scrisse delle opere di critica letteraria con le quali partecipa alla polemica apertasi tra i sostenitori di Ariosto (fra i quali Galilei stesso) e quelli di Tasso.
-    Successivamente Galilei si dedicò agli studi scientifici, alla matematica, alla medicina e alla filosofia naturale, per poi abbandonare l’Università senza laurearsi.
-    Nel 1589 rientrò all’Università come docente di matematica, ma ben presto abbandonò l’Università di Pisa per quella di Padova, dove, trovandosi nella Repubblica Veneta, dove l’oppressione controriformista era minore, ebbe maggior libertà di espressione.

Galileo Galilei: biografia e invenzioni


SCOPERTE DI GALILEO GALILEI: RIASSUNTO

Il conflitto con la Chiesa
-    Nel 1610 Galilei si trasferì a Firenze, come matematico e filosofo del granduca di Toscana.
-    In questo periodo i suoi studi, anche grazie al miglioramento del cannocchiale, avevano portato all’ampliamento delle conoscenze sull’Universo (i satelliti di Giove, le fasi di Venere).

Questo aprì il conflitto con la Chiesa, preoccupata delle ripercussioni che potevano avere queste scoperte.
-    Nelle sue opere Galilei, oltre ad esporre con estrema chiarezza il suo pensiero, decise di utilizzare il volgare per consentire a un più vasto pubblico di partecipare al dibattito.
-    Nel 1615 Galilei fu denunciato dai Domenicani all’Inquisizione per la sua teoria eliocentrica, condannata per la sua incompatibilità coi dettami della Chiesa.
-    L’Inquisizione intimò Galilei di non divulgare più la sua teoria, ma egli non rinunciò mai al proposito di persuadere il mondo.

Galileo e la chiesa: tesina

 


GALILEO GALILEI RIASSUNTO FILOSOFIA

La condanna e l’abiura
-    Quando divenne papa il cardinale Barberini, amico di Galilei, col nome di Urbano VIII, Galilei sperò che questi appoggiasse le sue idee e così portò a compimento un’opera alla quale lavorava da tempo, il “Dialogo sui due massimi sistemi del mondo”, nella quale metteva a confronto, in maniera molto semplice e chiara, le teorie opposte tolemaica e copernicana.
-    Papa Urbano VIII, però, temendo di perdere il suo potere, minacciato dal Consiglio dei Prelati, lasciò che i Gesuiti condannassero le idee espresse nel trattato di Galilei.
-    Galilei fu costretto ad abiurare pubblicamente le proprie tesi e fu condannato agli arresti domiciliari a vita.
L’isolamento degli ultimi anni
-    Galilei trascorse gli ultimi anni della sua vita segregato nella sua dimora, prima a Roma e poi a Firenze.
-    Nonostante questi impedimenti, proseguì le sue ricerche  e, eludendo la sorveglianza del Sant’Uffizio, riuscì a far giungere in Olanda il frutto delle sue ultime scoperte.
-    Galileo Galilei morì nel 1642.

Galileo Galilei: vita e opere


GALILEO GALILEI BIOGRAFIA BREVE

Il metodo galileiano
-    Galilei fu innovativo e moderno per l’atteggiamento metodologico che caratterizzava le sue ricerche. Per la prima volta la matematica diventa, nel metodo di Galilei, uno strumento per interpretare la Natura.
-    La Chiesa, che la subordinava alla teologia, si oppose a questa visione della matematica in grado di descrivere la struttura del mondo.
-    Il metodo galileiano si fonda sull’osservazione diretta del fenomeno naturale e la sua trascrizione in termini scientifici e matematici. La fase successiva prevede l’elaborazione dei dati  sulla base di una dimostrazione matematica per poi arrivare ad un esperimento che confermi il risultato riscontrato dall’esperienza.