Senilità: riassunto

Appunto inviato da fenice81
/5

rersonaggi e riassunto dettagliato dell'opera di Svevo, Senilità (3 pagine formato doc)

SENILITA': RIASSUNTO

Senilità di Italo Svevo.

Il titolo originale dell’opera è “il Carnevale di Emilio” che Italo Svevo iniziò a scrivere nel 1896. Il titolo venne poi modificato in “Senilità” pubblicata tra il 15 giugno e il 16 settembre sull’Indipendente nel 1898.
L’autore nacque a Trieste nel 1861, visse una vita non sempre agiata a causa del fallimento dell’azienda paterna. Morì in seguito ad un incidente autostradale a Motta di Livenza nel 1928.
Pubblicò numerose opere tra le quali Senilità, Una Vita e La Coscienza di Zeno.
Senilità” narra la storia di Emilio Brentani, un impiegato presso una società di assicurazioni nella Trieste di fine ‘800. Costui, amante di una vita tranquilla e piatta vive con la sorella Amalia in un appartamento di tre stanze. La “staticità” della sua vita viene scossa da una giovane popolana, Angiolina, di cui Emilio si innamora follemente.

Senilità di Italo Svevo: relazione libro


SENILITA' RIASSUNTO DETTAGLIATO

La sua passione, violenta ed incontrollata, è caratterizzata da impeti di gelosia verso Stefano Balli, un suo amico scultore che ha attirato l’attenzione di Angiolina. Anche Amalia è attratta da Stefano e questo spinge Emilio, geloso del successo che l’amico ha con le donne e desideroso di “purificare” la sorella ed allontanare il Balli da Angiolina, ferendo così i sentimenti della sorella che, ammalatasi di polmonite, muore. Solo dopo la morte di Amalia, Emilio riesce ad abbandonare definitivamente Angiolina ritornando alla scialba e mediocre vita che conduceva prima.
Senilità” è un romanzo autobiografico, vari infatti sono gli avvenimenti narrati legati all’esperienza personale dell’autore. La relazione amorosa tra Emilio Brentani e Angiolina Zarri, ad esempio, trae spunto da quella stessa che di Italo Svevo intrecciò con una giovane popolana di nome Giuseppina Zergol tra il 1891 e il 1892.  Il personaggio di Stefano Balli, poi, richiama il pittore Umberto Veruda che Svevo conobbe verso la fine degli anni ’80. Amalia, infine, rappresenta Maria Rossi, sorella del poeta Cesare, molto amico dell’autore.

Senilità di Italo Svevo: commento


SENILITA' RIASSUNTO PER CAPITOLI

I personaggi presenti nel romanzo sono vari: Stefano Balli, egoista, spregiudicato e un po’ cinico; Angiolina Zarri, vivace, astuta, approfitta con grande abilità della propria bellezza; la madre di Angiolina, vecchia ambigua e sgradevole, sempre vigile; il padre di Angiolina, mentalmente malato; la sorella di Angiolina, gentile ed educata ma furba come la sorella maggiore; la vedova Paracci, anziana donna che, anziana donna che concede a ore alcune stanze da letto; Margherita, bruttina, alta, magra, per un tempo fa coppia fissa con il Balli; Michele, domestico del Bali, discreto e rispettoso; il soriani e il Leardi, due amici di Emilio, il primo, uomo piccolo e giallognolo conosciuto come donnaiolo e il secondo elegante, assiduo frequentatore dei salotti cittadini. Tra tutti questi personaggi importantissimi sono, però, i due fratelli, Emilio e Amalia. Emilio è in realtà debole ed insicuro, ha paura di se stesso e vive chiuso in una sorta di limbo in cui la realtà con i suoi problemi non arriva a turbare l’equilibrio che, come difesa, il Brentani si è creato artificialmente.