Riassunto del Canzoniere di Petrarca

Appunto inviato da mikyilportiere
/5

Petrarca e il volgare, la formazione del Canzoniere, l'amore per Laura, la figura di Laura, il dissidio petrarchesco e il superamento dei conflitti nella forma. Riassunto del Canzoniere di Francesco Petrarca (1 pagine formato docx)

RIASSUNTO DEL CANZONIERE DI PETRARCA

Il Canzoniere: Petrarca e il volgare - Le liriche del Canzoniere sono in volgare.

Petrarca però si aspettava la fama e l’immortalità presso i posteri dalle opere latine. Petrarca teneva in poco conto le proprie opere in volgare, ritenendole di dignità minore, tanto da chiamarle nugae o bazzecole. Si contraddice però poiché dedica molti anni della sua vita a limare queste opere in volgare per renderle perfette in ogni dettaglio.
Effettivamente era convinto della maggior dignità del latino però afferma esplicitamente che era persuaso che la letteratura latina aveva già raggiunto un culmine di perfezione che non poteva esser superato e quindi lui voleva ridar lustro al latino antico ed elevare la lingua volgare alla dignità del latino.
La formazione del canzoniere - Il vero titolo del Canzoniere è Rerum vulgarium fragmenta in cui notiamo proprio la punta di sufficienza che il poeta ostenta nei confronti delle sue liriche in volgare. Esso è costituito da 366 componimenti che sono per la maggior parte sonetti ma anche canzoni ballate e sestine.

Spiegazione del Canzoniere di Petrarca


CANZONIERE PETRARCA: RIASSUNTO BREVE

L’amore per Laura - Il tema del Canzoniere è l’amore per Laura, una donna incontrata il venerdì santo del 1327 in una chiesa di Avignone. Questo è un amore inappagato e tormentato. Il poeta assapora spesso il piacere di soffrire e di piangere. Non c’è uno stato d’animo fisso in Petrarca: passa dall’esaltazione dell’amore a lamentare la sua crudeltà ed indifferenza e invoca pietà per le sue sofferenze d’amore. Con la morte di Laura tutto il mondo sembra improvvisamente scolorire, farsi vuoto e squallido. Il poeta rimpiange un tempo che non può più ritornare, sogna Laura che sembra più mite e compassionevole verso le sue sofferenze e con il tempo si accorge di essersi dedicato troppo a questo amore e sente il peso di una purificazione dal peccato ed allora la morte non appare come un porto tranquillo dove trovare rifugio ma come un dubbioso passo.

Il Canzoniere di Petrarca: riassunto breve


RIASSUNTO CANZONIERE PETRARCA IN ITALIANO

La figura di Laura - Laura è molto più umana delle immagini femminili degli stilnovisti e di Dante poiché rientra in una dimensione psicologica più viva e mossa ed è inserita nella dimensione del tempo. Sottoposta alla azione disgregatrice del tempo ma tuttavia è lontana da avere caratteristiche ben definite di un personaggio reale. Spesso nel Canzoniere ci sono notazioni riferite alla sua bellezza fisica ma la sua figura resta comunque non bene definita perché Petrarca parla di capei d’oro, claro viso, man bianche e sottil, angelico seno, bel fianco che non compongono una immagine definita ma rispondono a un formulario tradizionale stilnovistico.