Canto 19 Inferno: contrappasso

Appunto inviato da athit
/5

La legge del contrappasso e riassunto verso per verso del Canto 19 dell'Inferno di Dante Alighieri (4 pagine formato docx)

CANTO 19 INFERNO CONTRAPPASSO

Canto XIX. Cerchio 8: suddiviso in bolge.
La bolgia è rocciosa di difficile accesso; nella porta si aprono i fori regolari di uguali dimensioni e molto profondi poiché ognuno ospita i peccatori che hanno ricoperto nella chiesa una medesima carica.
3° Bolgia  Puniti i SIMONIACI : la loro colpa è = fanno un mercimonio di cariche sacre e favori.
Sfruttano la loro posizione per garantire dei favori.
CONTRAPPASSO PER ANALOGIA perché come in vita si sono attribuiti delle scelte che non li riguardava hanno in tal modo calpestato il spirito santo che è rappresentato con il fuoco ora sono arsi da questo fuoco che però non è dello spirito santo.
Se si favorisce ai propri parenti cariche sacre si chiama NEPOTISMO.
Il termine simoniaco deriva da un episodio degli Atti degli Apostoli e cha come protagonisti Pietro, il primo papa, e Simon mago.
Costui praticava la magia con successo. Egli cerca di comprare i miracoli che Pietro faceva.
Simoniaco = colui che per denaro o altra ricompensa fa mercimonio
delle realtà spirituali e delle cariche ecclesiastiche
Dante si rivolge con disprezzo a queste anime dicendo che “è ora che per voi suoni la tromba” ossia la tromba del giudizio universale in modo tale che esse soffrano maggiormente la pena
Tomba per definire la bolgia in quanto queste anime fossero quasi sepolte oppure usa la parola tomba per sottolineare che hanno anche la morte definitiva dell’anima .
Dante e Virgilio sono sul punto del ponte che cade perpendicolarmente al centro della bolgia.
 

Inferno: gironi e struttura | Canto 1: analisi, parafrasi, figure retoriche | Canto 2: parafrasi, commento e figure retoriche | Canto 3: parafrasi, commento e figure retoriche | Canto 5: parafrasi, commento e figure retoriche del canto di Paolo e Francesca |

CANTO 19 INFERNO RIASSUNTO

Vs 10 – 12. Dante in questa terzina sottolinea il giusto volere di Dio e quasi Lo ringrazia per la pena che ha attribuito a loro. Lo chiama “somma sapienza”.
La pietra è livida di fori tutte di ugual larghezza e circolare.
Vs 16 – 21
Dante paragona l’ampiezza di questi fori al battistero di S. Giovanni. Usa “mio” e “bel” che sottolinea che l’affetto per la sua Fiorenza non è mai tramontato.
Due tipi di battezzatoi :
1. Per abluzione.
2. Per immersione, anche per l’età più avanzata. ( battezzatori)
a. O il sacerdote si poneva all’interno di esso e dava il battesimo per abluzione alla massa.
Dante ruppe un battezzatoio poiché un uomo dentro vi stava annegando.
Le buche sono scavate sia sulla parete sia per terra. L’ultimo arrivato vi fuoriusciva dalla cintola in giù poiché erano messi con la testa verso il fondo del buco.
 

Canto 19 Inferno: parafrasi