Gabriele d'Annunzio: riassunto vita e opere

Appunto inviato da antonellademarino89
/5

breve riassunto della vita, opere, poetica e pensiero di Gabriele d'Annunzio, simbolo del Decadentismo italiano (2 pagine formato doc)

GABRIELE D'ANNUNZIO: RIASSUNTO VITA E OPERE

Gabriele d'Annunzio nato a Pescara nel 1863 da agiata famiglia borghese.

Acquistò subito notorietà attraverso una copiosa produzione di versi. Vivendo una vita scandalosa per i principi morali dell’ epoca, egli si crea la maschera dell’ esteta , dell’ individuo superiore che rifiuta la mediocrità borghese e disprezza la morale corrente accettando come regola di vita solo il bello. Le opere di questo periodo sono caratterizzate da una grande importanza per l’ arte.
Sul piano letterario tutto ciò da origine ad un vero e proprio culto religioso dell’ arte. Il personaggio dell’ esteta è una forma di risarcimento immaginario da una condizione reale di degradazione dell’ artista. Ben presto pero D’Annunzio si rende conto della debolezza di questa figura: l’esteta non ha la forza di opporsi realmente alla borghesia in ascesa.

Gabriele d'Annunzio, riassunto: la vita, lo stile, ideali e opere


GABRIELE D'ANNUNZIO: RIASSUNTO BREVE

Fu in questo periodo che compose "Il piacere" in cui il protagonista Andrea Sperelli ne è la testimonianza e non è che il doppio dell’ autore nel quale emerge la sua crisi e insoddisfazione. Questa crisi non approda immediatamente a soluzioni alternative, è il periodo definito della bontà percorso dal desiderio di recuperare l’ innocenza dell’ infanzia, di ritornare alle cose semplici e agli affetti famigliari.  Fu nel periodo in cui conobbe Nietzsche che modificò il suo sistema di concezioni ; inanzitutto il rifiuto del conformismo borghese, esaltazione dell’ spirito dionisiaco , cioè di un vitalismo gioioso libero dalla morale comune, l’ esaltazione della volontà di potenza , dello spirito della lotta e la creazione del superuomo.

Gabriele d'Annunzio, riassunto opere importanti


GABRIELE D'ANNUNZIO: RIASSUNTO POETICA

Tutto questo dominio di questi esseri privilegiati al di sopra della massa deve tendere ad una nuova politica aggressiva dello stato che strappi la nazione dalla sua mediocrità. L’eroe dannunziano non si accontenta più di vagheggiare ma si adopera per imporre il dominio di una nuova vita. L’ artista ha la funzione di guida della realtà. Mentre l’ esteta era in netta opposizione rispetto alla realtà , il superuomo tende ad imporsi per attuare un cambiamento. D’annunzio non si piega ad accettare la sorte,ma ambisce a rovesciarla e a ritrovare un ruolo sociale.

Gabriele d'Annunzio riassunto: vita e opere


GABRIELE D'ANNUNZIO: RIASSUNTO PENSIERO

In secondo luogo la putredine la decadenza non sono state cancellate, ma sono rovesciate di segno, assumendo la funzione opposta: nella nuova ideologia superomistica devono essere lo stimolo all’ affermazione della vita. D’Annunzio la rovescia in positivo facendone la condizione dell’ affermazione dell’ eroe. Tutto  gli è ormai permesso, può affrontare tutto senza pericoli.  Dopo la fuga estetizzante nella bellezza del passato l’ autore aveva affidato al superuomo il compito di intervenire nella realtà. Al discorso politico celebrativo si sostituisce il tema lirico della fusione panica con la natura : l’ io del poeta si fonde col fluire della vita del Tutto; si identifica con le varie presenze naturali, animali vegetali.