Ludovico Ariosto: vita e pensiero

Appunto inviato da catemagge
/5

riassunto della vita, opere e pensiero di Ludovico Ariosto (2 pagine formato doc)

LUDOVICO ARIOSTO: VITA E PENSIERO

Ludovico Ariosto. Ludovico Ariosto nacque nel 1474 a Reggio Emilia, durante il periodo in cui suo padre Niccolò era comandante della guarnigione militare, al servizio dei duchi d'Este, ed fu proprio alla corte di quest'ultimi, a Ferrara, che l'Ariosto visse per tutta la sua vita.
Nacque come il primo di 10 fra sorelle e fratelli, cosa che influì molto nei suoi anni a venire.

È un poeta figlio dell'Umanesimo, dai cui ha ereditato la visione dell'uomo (al centro del mondo, FABER SUI…) e della letteratura (molto simile a quella di Petrarca, l'UMANAE LITTERAE, la rappresentazione delle parti migliori dell'uomo).
Anche l'ATTIVISMO faceva parte dell'eredità donategli dall'umanesimo.

Ariosto e Ludovico Ariosto: spiegazione e analisi del testo del proemio


VITA E POETICA DI ARIOSTO

Ma ad un certo punto della propria vita Ariosto si rese conto che l'uomo ideale dell'umanesimo non esiste, percependo allo stesso tempo la brutalità del mondo. Avvenne così in lui una lacerazione fra l'ASPIRAZIONE e la REALTÀ. Questa lacerazione ha provocato una sofferenza per il frantumarsi di un'idea che non è riuscito a conquistare.
A questa lacerazione non ha reagito con pessimismo, ma ha cercato di convivere con il mondo SALVAGUARDANDO SE STESSO e di mantenere intatta la propria libertà.
Dal suo comportamento si percepisce il suo temperamento ROBUSTO e concreto, la tendenza a vivere il carpe diem, a cercare di convivere serenamente e in equilibrio con la realtà.
"UBBIDIVA DISUBBIDENDO" ALLA REALTÀ: si piegava alla realtà ma interiormente mantenne una fermezza d'opinioni.

Ludovico Ariosto e Orlando furioso: riassunto


LUDOVICO ARIOSTO: VITA OPERE E PENSIERO

Fu nel periodo della prima gioventù che nacque l'amore per le lettere, un interesse innato, profondo, quieto, ma robusto e concreto. All'età di 15 anni intraprese all'università studi di diritto giuridico per obbedire al padre, da qui si denota la sua scelta di AUTENTICITÀ (cede infatti alle istanze del padre ma in realtà ubbidisce a se stesso) e la sua MANCANZA DI AMBIZIONI che non siano le sue: è convinto che la sostanza dell'uomo sia nell'INTERIORITÀ (che è l'unica cosa che gli sta veramente a cuore). Cosicché durante gli studi visse la letteratura come una liberazione dal mondo.
La svolta avvenne nel 1500: con la morte del padre la famiglia si ritrovò sul lastrico e ciò produsse un brusco impatto con la realtà per l'Ariosto, il quale tentò di trovare la felicità venendo a patti con la realtà.
Si trovò faccia a faccia con una REALTÀ DURA, NEGATIVA e UMILIANTE: doveva maritare le sorelle e trovare una sistemazione per i fratelli tramite delle raccomandazioni.

Ludovico Ariosto: riassunto della vita e opere


PENSIERO DI LUDOVICO ARIOSTO: RIASSUNTO

Tutto ciò produsse in lui un senso di INUTILITÀ, perché intuì che doveva affrontare un mondo che non conosceva: quello della corte, dove si imponeva di lavorare. Entrò infatti al servizio del duca Ercole I poi a quello del cardinale Ippolito d'Este, il quale considerava i suoi uomini come pedine, non aveva alcun rispetto per la dignità altrui. Lo utilizzava, infatti, per le più varie mansioni e cioè, in senso pratico, se ne serviva. Al cardinale non interessava la poesia dell'Ariosto, almeno che non fosse elogiativa (come pure per quanto riguardava la poesia di tutti gli altri).