Pascoli e Verga

Appunto inviato da pippielisa
/5

Verga: La svolta verista. La poetica dell'impersonalità. La tecnica narrativa. Rosso Malpelo. La lupa. Malavoglia. Maestro Don Gesualdo. Pascoli: Poetica del fanciullino. Il nido familiare. L'ideologia politica. Arano. X Agosto. L'assiuolo. Novembre. Italy (5 pagine formato doc)

Giovanni Verga 1840-1922
Nacque a Catania da proprietari terrieri,studiò presso maestri privati tra cui Abate,si iscrisse alla facoltà di legge ma poi si dedicò al lavoro letterario e al giornalismo politico.
Per scrivere i suoi testi prende spunto da quelli francesi . Nel 1865 si reca a Firenze consapevole di doversi liberare dei limiti della sua cultura per diventare uno scrittore. Nel 1872 si reca a Milano ed entra in contatto con ambienti della Scapigliatura, in questo periodo scrive alcuni romanzi: Eva,Eros,Tigre reale e Rosso Malpelo- Dopo di che scrisse novelle come Vita dei campi. Nel 1893 torna a Catania e si chiude in un silezio totale dedicandosi alla cure delle proprie propietà terriere.


Nella 1 guerra mondiale prese parte come interventista e dopo la guerra si schiera con i nazionalisti .
Muore nel 1922 periodo della marcia su Roma e la salita del fascismo. 
La svolta verista: Nel 1878 venne pubblicato Rosso Malpelo che si distacca dall'ambito e dalla narrativa precedentemente utilizzata, è la storia di un garzone di miniera che vive in un ambiente duro e disumano, usa un linguaggio nudo e scabro che si rifa alla narrazione popolare. E' la prima opera verista che si ispira all'impersonalità. Nel 1874 aveva pubblicato un bozzetto ''Nedda'' sulla vita misera di un bracciante ma i toni non cambiano come nell'opera precedente. Il cambio in Rosso Malpelo è visto come ''conversione'', si proponeva di dipingere il vero anche se rifiutava le etichette di scuola. 


Il verismo è dato da una concezione materialistica della realtà e impersonalità. Tuttavia non appartiene al senso moralistico e ad ambiente eleganti ma alla vita tra gli umili. Le basse sfere sono il suo punto di partenza per lo studio dei meccanismi della società estendendosi alla politica,aristocrazia e intellettualità.