Riassunto di Tristano e Isotta

Appunto inviato da nikned
/5

Il romanzo di Tristano e Isotta: riassunto del racconto di Joseph Bédier (7 pagine formato doc)

RIASSUNTO DI TRISTANO E ISOTTA

Riassunto dettagliato di Tristano e Isotta - La storia comincia col racconto della triste nascita di Tristano (nome voluto dalla madre per ricordargli in eterno le vicende legate alla sua nascita) e con la morte della madre causata dalle fatiche del parto e dal dolore per il marito deceduto durante un combattimento contro il duca Morgan.

Il piccolo Tristano viene scambiato come figlio del siniscalco Rohalt e di sua moglie Enide, in modo da salvargli la vita al momento dell'entrata di Morgan nel palazzo. Il piccolo Tristano cresce nell'inconsapevolezza di essere sotto il dominio di colui che ha ucciso i suoi genitori.
All'età di sette anni, comincia l'addestramento del giovane da parte di Governale, un uomo tanto abile nell'arte della guerra quanto nell'utilizzo dell'arpa per raccontare poesie accompagnandosi con essa; questi lo educa negli antichi ideali dell'onore, nel rispetto per i deboli e gli oppressi e verso la donna amata.

Tristano e Isotta: riassunto breve dell'opera


TRISTANO E ISOTTA RIASSUNTO BREVE FRANCESE

Un giorno approdò al porto davanti al castello di Kanoel una nave di Vichinghi; incuriosito dagli stranieri Tristano si avvicinò ad essi chiedendo maggiori informazioni sui luoghi di provenienza. Essi lo convinsero a salire con la scusa di mostrargli quanto fossero salde le loro vele. Non appena salì sulla nave, venne legato e fatto prigioniero per essere venduto come schiavo; pregò il mare di aiutarlo, e dopo otto giorni di tempesta, nelle vicinanze di una terra sconosciuta, i barbari lo lasciarono su di una scialuppa.

Il romanzo di Tristano e Isotta: riassunto breve


TRISTANO E ISOTTA PERSONAGGI

Al suo approdo sull'isola di Cornovaglia vide un cervo ferito, udì un gran abbaiare di cani da caccia e sopraggiunsero i cacciatori che uccisero il cervo. Dopo aver insegnato ai cacciatori come scuoiare un cervo, venne condotto a Tintagel alla corte di re Marco al quale si presentò come figlio di mercanti. I due erano inconsapevoli l'uno verso l'altro di essere rispettivamente zio e nipote: infatti la regina Biancofiore, madre di Tristano era sorella del re. Nel vecchio castello di Kanoel, il suo padre adottivo venne rinchiuso in una torre e condannato ingiustamente a morte da Morgan. Una notte riuscì a fuggire in mare con una barca e dopo un lungo viaggio in balìa delle onde, giunse finalmente in una terra sconosciuta: approdò anch'egli in Cornovaglia. In quel momento passava Tristano che riconobbe il proprio padre e lo condusse alla corte di re Marco.

Tristano e Isotta: analisi


RIASSUNTO TRISTANO E ISOTTA BREVE

I cortigiani erano dubbiosi sull'origine del ragazzo straniero, perché dimostrava doti da cavaliere quindi Rohalt spiegò ad essi l'origine regale di Tristano e delle vicende legate alla sua nascita e così lo zio lo nominò cavaliere. Il primo pensiero del re fu quello di recuperare il territorio una volta appartenuto alla sorella e adesso ingiustamente sottratto da un uomo senza pietà. Sir Tristano salpò prendendo con sé solamente dieci valorosi guerrieri: non aveva bisogno di portare con sé tanti uomini: se era vero che Morgan fosse un feroce tiranno, gli uomini l'avrebbe trovati al suo arrivo. E così fu. Infatti fin da quando la loro nave era apparsa all'orizzonte con le insegne regali del vecchio re, la gente si affollò al porto armata di forconi e di tutto quello che disponeva per ridare il trono in mano alla vecchia dinastia. Dopo uno scontro, nel quale morì Morgan, Tristano si apprestò a riprendersi il trono rubato al padre, ma per riconoscenza lo diede al fedele Rohalt che per tutto quel tempo l'aveva cresciuto come figlio proprio. La sera stessa ritornò in Cornovaglia con i dieci prodi cavalieri con cui era partito.