Vita scritta da esso: riassunto

Appunto inviato da onghy90
/5

Vita scritta da esso di Vittorio Alfieri: riassunto capitolo per capitolo (28 pagine formato doc)

VITA SCRITTA DA ESSO RIASSUNTO

Alfieri - Vita scritta da esso - Riassunto.

Prima parte. Introduzione. Alfieri spiega le ragioni per la scrittura dell'opera. Dichiara di non voler addurre scuse di falsa modestia, e che ogni biografia è scritta per amor proprio, qualità della quale sono forniti tutti gli uomini ed in particolare poeti ed artisti in generale. Vi sono però alcuni elementi di captatio benevolantiae, come, per esempio, quando vengono nominati i "pochi estimatori della sua opera".
Alfieri dice di scrivere per loro in quanto sa che le sue opere verranno comunque prima o poi precedute da una biografia, di cui preferisce essere direttamente l'autore. Inoltre ammette che potrebbe omettere degli eventi, ma assicura che non scriverà falsità, cosa che invece potrebbe accadere se l'autore della sua biografia fosse uno scrittore al soldo degli editori.

La vita di Vittorio Alfieri: riassunto

INTRODUZIONE ALLA VITA DI ALFIERI

La biografia sarà organizzata in cinque parti, corrispondenti alle cinque fasi della vita: infanzia, adolescenza, giovinezza, età adulta, vecchiaia (quest’ultima non verrà mai realizzata). Al momento della stesura dell'introduzione, Alfieri dichiara di essere occupato nella scrittura della quarta sezione, e di aver notato di scrivere meno di getto di quanto accadesse nelle opere precedenti. Si scusa quindi con i lettori nel caso in cui trovino che si sta dilungando troppo e chiede loro di punire questo suo errore non leggendo, eventualmente, l'ultima parte, che trattando la vecchiaia dovrebbe essere quella a carattere più riflessivo. Altra particolarità della biografia è che parlerà esclusivamente del suo protagonista, nominando le persone intorno a lui solo in eventualità positive: scopo della biografia è, infatti, lo studio di un uomo, e l'autobiografia è perciò il caso più lodevole di biografia perché l' autore non può conoscere nessuno meglio di se stesso. L'introduzione è chiusa da una dichiarazione stilistica: la scrittura sarà semplice in quanto l'argomento è personale ed istintivo, al contrario di altre opere.

Vittorio Alfieri: riassunto breve

VITA SCRITTA DA ESSO: EPOCA PRIMA-PUERIZIA - CAPITOLO PRIMO

Alfieri racconta brevemente della sua famiglia: suo padre, nobile astigiano, Antonio Alfieri, e la madre, nobile di origine francese (barbara), Monica Maillard di Tournon. La madre aveva avuto figli da un primo marito ed era rimasta vedova, il padre non aveva mai lavorato (essendo appunto nobile) ed è già in età avanzata quando si sposa: anche per questo Vittorio resta orfano mentre è ancora dalla balia a Ronciglione. La madre si sposa la terza volta, con Giacinto Alfieri, un cadetto, matrimonio del quale Alfieri è felice, anche se vorrebbe restare più vicino alla madre ora anziana. Alfieri riflette sulla fortuna di essere nato da genitori nobili (perché così può conoscere davvero, e dunque criticare, la nobiltà), agiati (perché così può servire solo la verità e non avere padroni) e onesti (perché così non deve vergognarsi di essere nobile). Alfieri dichiara inoltre di avere quarantuno anni mentre scrive la biografia.