Plauto: vita, opere e stile

Appunto inviato da zer0byt3ak
/5

Riassunto riguardante la vita, le opere e lo stile dell'autore latino Plauto (3 pagine formato doc)

Plauto
Vita
Tito Maccio Plauto nacque a Sarsina, vicino Rimini, intorno al 250 a.C.
L'attribuzione del tria nomina è incerta: mentre sul prenomen "Titus" non ci sono dubbi, è invece incerta l'attribuzione del nomen "Maccius", che deriva probabilmente da "Maccus", una delle maschere tipiche dell'Atellana. Il cognomen "Plautus" è stato interpretato in 2 modi diversi: potrebbe derivare da "Plotus", parola che significa "Piedipiatti", oppure dal termine "plauto" che era usato per chiamare i cani con le orecchie molli, flaccide e particolarmente grandi.


La vita e l'attività teatrale di Plauto si svolse durante il periodo della Seconda Guerra Punica, periodo particolarmente difficile per la storia di Roma.
Plauto avrebbe ricavato dal mestiere di attore una certa agiatezza, sperperata tuttavia in fretta, tanto da doversi ridurre a girare la macina in un mulino. Successivamente grazie al successo delle due commedie (il Saturnio e l'Addictus) che aveva composto nel periodo in cui girava la macina riuscì a riottenere un certo benestare economico.


Opere
Le commedie che gli antichi attribuivano a Plauto (tutte Fabulae Palliatae) erano 130, ma solamente 21 sono giunte fino a noi.
Ciò è dovuto al fatto che Varrone analizzò tutte le commedie giunte fino a noi dividendole in commedie sicuramente plautine, commedie di incerta attribuzione e commedie spurie.