le Bucoliche di Virgilio

Appunto inviato da franzrux
/5

Una riassuntiva spiegazione delle Bucoliche di Virgilio: i dati essenziali sul periodo di stesura, l'ambientazione e la composizione dell'opera, nonché una sintetica ma completa descrizione dei contenuti di ognuno dei 10 carmi che compongono l'opera (2 pagine formato docx)

- L’opera è composta di 10 carmi, scritti in esametri;
- Periodo di stesura: 42-39 a.C.
(contemporaneamente a guerre civili e confische di terreni);


- Il nome “Bucoliche” deriva dal greco “bukolòs” = “pastore”, ma l’opera è anche detta “Ecloghe”, dal greco “ekleghein” = “selezionare”, ad indicare dunque che essa fosse costituita da “poemetti scelti”;
- E’ un’opera principalmente d’evasione, ispirata agli idilli pastorali di Teocrito, con rimandi tuttavia politici alla situazione travagliata della Roma virgiliana;

- L’ambientazione è una campagna idealizzata (vedi le opere di Teocrito), con riferimenti alla Sicilia, alla Pianura Padana, alla regione montuosa dell’Arcadia, nel Peloponneso;
- Protagonisti dell’opera sono i pastori-poeti, che vivono temi e situazioni riprese, secondo il criterio imitativo romano, da Teocrito ed altri autori greci antichi;


- Le ecloghe dispari (1-3-5-7-9) sono “mimiche”, ovvero in esse prevalgono il discorso diretto ed il dialogo;
- Le ecloghe pari (2-4-6-8-10) sono “narrative”, cioè prive di dialoghi e con un estensivo sviluppo della trama.
.