Amore e psiche di Apuleio: riassunto

Appunto inviato da mony87ely90
/5

Riassunto della favola di Amore e psiche di Apuleio (6 pagine formato doc)

AMORE E PSICHE APULEIO: RIASSUNTO

Amore e psiche di Apuleio.

A raccontare la favola è una vecchia serva che viveva presso una banda di briganti; la racconta a una ragazza, Carite, che essi avevano rapito per ottenere un riscatto. La giovane aveva fatto un brutto sogno: le era sembrato di rivivere il rapimento e , divenuta sposa, di vedersi sottrarre il giovane marito. Allora, la vecchia, per consolarla le racconta una bella fiaba. Lucio, anch’esso rapito, presta orecchio, mentre la storia viene narrata a Carite, ignaro di ascoltare il racconto della propria vita e della propria futura liberazione.

Amore e psiche di Apuleio: analisi

AMORE E PSICHE APULEIO: SIGNIFICATO E TRAMA

TRAMA - La favola inizia nel più classico dei modi: c'erano una volta, in una città, un re e una regina, che avevano tre figlie bellissime.

la più giovane, Psiche, possedeva una bellezza indescrivibile e il suo splendore veniva paragonato a quello di Venere, ma non solo, si credeva che essa fosse una nuova Venere nata dalla terra. Un numero incredibile di forestieri e molta gente del suo paese andava a tributare omaggi alla fanciulla. Le adorazioni agli altari di Venere furono completamente abbandonate e questo passaggio di onori rese la dea furiosa. Allora ella chiamò il figlio, gli mostrò la sua rivale e gli ordinò di fare innamorare la fanciulla dell’uomo più vile che esistesse sulla faccia della terra.
Nel frattempo Psiche era molto triste perché, possedendo una bellezza così divina, nessun mortale, consapevole di non meritare tanto, aveva il coraggio di chiedere la sua mano. Così il padre chiese all’oracolo del dio Apollo a Mileto nozze e marito per sua figlia: a quelle parole Apollo gli ordinò di portare la fanciulla in cima ad una rupe ornata per nozze funebri, dove ella avrebbe incontrato il marito, un mostro malvagio.

Amore e psiche di Apuleio: analisi e trama

AMORE E PSICHE: INTERPRETAZIONE

Arrivato questo triste giorno, Psiche seguì dettagliatamente gli ordini di Apollo e lasciò i genitori in preda allo sconforto. Subito dopo arrivò Zefiro che con un leggero venticello la sollevò da terra e la condusse alla sua reggia; qui, la fanciulla fu accolta dalle voci delle sue ancelle invisibili che le mostrarono la sua casa e le sue ricchezze. Il marito si recava ad incontrarla solo di notte e senza svelarle chi fosse, imponendole il divieto di guardarlo in volto. Egli, durante queste notti, la avvertì dell’arrivo delle sue sorelle e le vietò di accoglierle. Ma Psiche riuscì a convincerlo a cambiare questa decisione e, quando le sorelle si presentarono alla porta della sua reggia, le accolse e le mostrò le sue ricchezze. Le due donne erano molto invidiose di tale fortuna ed escogitarono un piano per vendicarsi.