Don Chisciotte: significato e riassunto

Appunto inviato da binna88
/5

Don Chisciotte: significato, riassunto della storia di Don Chisciotte e breve biografia di Cervantes (4 pagine formato doc)

DON CHISCIOTTE: SIGNIFICATO E RIASSUNTO

Miguel de Cervantes era uno scrittore spagnolo che nacque a Alcalà de Henares nel 1547 e morì nel 1616 a causa dell’ idropisia di cui era affetto.

Cervantes fu mantenuto dal padre chirurgo (Rodrigo) e passò la sua fanciullezza e la sua adolescenza in varie città. Nel 1566, a Madrid, frequentò lo studio; nel 1568 venne in Italia e da Roma fece un certificato di purezza di razza per potersi arruolare nella fanteria spagnola. Nel 1571 partecipò alla battaglia di Lepanto dove venne ferito al petto e alla mano sinistra.
Dal 1572 al 1574 visse in Sicilia e a Napoli e partecipò alle spedizioni di Navarino e di Tunisi. Nel 1575 partì alla volta della Spagna col fratello per richiedere il grado di capitano. La sua nave fu assalita dai corsari che condussero i passeggeri schiavi ad Algeri. Nel 1580 dopo quattro falliti tentativi di evasione, Miguel venne infine riscattato dai padri trinitari.

Don Chisciotte della Mancia: analisi dei personaggi


DON CHISCIOTTE E I MULINI A VENTO: SIGNIFICATO

Nel 1584 si stabilì a Madrid dove sposò Catalina de Salazar che non convisse con lui fino al 1603 e non gli diede figli. Nel 1585 pubblicò la sua prima opera. Nel 1587 fu nominato commissario incaricato di requisire viveri da destinare all’ approvvigionamento dell’invincibile Armata. Nel 1605 a Madrid uscì Don Chisciotte della Mancia. Nel 1614 lavorò alla seconda parte di Don Chisciotte che pubblicò nel 1615.

Don Chisciotte della Mancia di Cervantes: scheda libro


DON CHISCIOTTE: RIASSUNTO BREVE

Don Chisciotte: riassunto. In un paesino della Mancia (regione spagnola) viveva un uomo con sua nipote ed una governante. Costui passava gran parte del suo tempo leggendo poemi e romanzi cavallereschi, dei quali si riempì talmente la testa che gli si prosciugò il cervello e perse il giudizio. Decise così di imitare le gesta dei personaggi che tanto amava, facendosi cavaliere errante. Partì, così in cerca di avventure  con indosso l’armatura dei suoi avi, insieme al ronzino Ronzinante.Si battezzò Don Chisciotte della Mancia e decise che la donna per cui avrebbe lottato sarebbe stata una dama del Toboso che, un tempo, lo aveva attirato e la ribattezzò Dulcinea del Toboso. Dopo aver cavalcato per ore vide una locanda che scambiò per un castello dove venne investito cavaliere dal locandiere che lui aveva scambiato per il castellano.

Don Chisciotte della Mancia: analisi libro di Cervantes


DON CHISCIOTTE E SANCIO PANZA

All’alba stava per tornare al suo villaggio quando udì grida e lamenti provenire dal bosco. Erano le grida di un ragazzetto che veniva punito dal suo padrone contadino per avergli perso delle pecore. Don Chisciotte lo fece smettere, ma appena se ne andò questi ricominciò a frustarlo. Continuando per il suo cammino Don Chisciotte incontrò dei mercanti coi loro scudieri che scambiò per cavalieri che aggredì perché avevano offeso la bella Dulcinea del Toboso. Purtroppo Ronzinante inciampò e cadde trascinandosi dietro il suo padrone e i mercanti ne approfittarono per legnarlo.