Dell'amore e di altri demoni: trama

Appunto inviato da veronicadandriccio
/5

riassunto della trama e commento del libro "Dell'amore e di altri demoni" di G.G. Marquez (1 pagine formato doc)

DELL'AMORE E DI ALTRI DEMONI TRAMA - Dell’amore e di altri demoni è una storia che, benché frutto dell’immaginazione di Gabriel Garcia Marquez, trova le proprie radici, in un giorno d’ottobre del 1949, quando Marquez, ancora un giovane giornalista, recatosi al convento di Santa Clara, a Cartagena de Indias, Caraibi,  “per cercare di ricavarne qualcosa” - poiché questo doveva essere sostituito da un lussuoso albergo – vide il cadavere di una giovane fanciulla coronata da una chioma lunghissima, cresciuta negli anni a differenza del corpo, e si ricordò, così, di ciò che da piccolo i suoi parenti gli raccontarono a proposito di una giovane adolescente di 12 anni dalla lunga chioma rossa, morta di mal di rabbia per un morso di cane.

Leggi anche La volonta di sapere di Foucault: riassunto

DELL'AMORE E DI ALTRI DEMONI RIASSUNTO - Sulla lapide, che aveva difeso la vita di quella chioma e la morte di quel corpo, stava scritto un nome senza cognomi: Sierva Marìa de Todos los Angeles.

Nel romanzo pubblicato nel 1994, Sierva Maria de Todos los Angeles è la protagonista.
Odiata dalla madre, incompresa da tutti e vittima dell’intolleranza religiosa cristiana, Sierva Maria sembra il mediano sociale capace di legare persone completamente diverse: giovani e anziani, bianchi e neri, demoni e santi,  perché, nonostante sia figlia di una famiglia benestante, preferisce vivere e condividere la propria giornata con i servi africani che con la borghesia, tanto che ne apprende usi e costumi tribali, fino al giorno in cui viene morsa da un cane randagio, a causa del quale comincia a comportarsi in modo strano, quasi fosse posseduta dai demoni.

Leggi anche Cronaca di una morte annunciata di Marquez: riassunto

GABRIEL GARCIA MARQUEZ DELL'AMORE E DI ALTRI DEMONI: TEMI PRINCIPALI - Il padre, per la disperazione e la vergogna, la fa rinchiudere in un convento per esorcizzarla. Il difficile compito viene affidato a Delaura, il braccio destro del Vescovo, che a poco a poco si innamora della giovane “vittima”. Inizia così un amore furtivo e segreto che la chiesa scopre e li separa, perché considerata immorale.  La sua storia è quella dell’incomprensione, quella che dà vita ad un puro amore  tra una non indemoniata e un monaco bibliotecario. I temi principali sono l'amore contrastato dei due amanti, l'ingiustizia dell'inquisizione della chiesa, l'amore paterno scoperto troppo tardi dal padre della bambina e l'ostinazione delle credenze popolari. Leggi anche Simposio di Platone: riassunto