Il carme Dei Sepolcri di Ugo Foscolo

Appunto inviato da joey019
/5

Spiegazione e commento del carme Dei Sepolcri di Ugo Foscolo (1 pagine formato doc)

Il carme “Dei Sepolcri”, fu scritto nel 1806 e, il motivo fu la disputa occasionale avvenuta a Venezia che il Foscolo, ebbe con Pindemonte.
Quest’ultimo, era un cattolico che si opponeva alla filosofia moderna a cui si ispirava la nuova legislazione poiché essa, induceva a trascurare il pietoso culto dei defunti, in parte difesa dall’autore che poi, si accorse che quelle tesi non corrispondevano al suo intimo sentire, pertanto compose il suo carme, come se fosse una ripresa e, ampliandone il significato ad una considerazione più vasta del destino umano. Il materialismo del Foscolo lo portava a negare l’esistenza di Dio, ed è infatti proprio con questa concezione che si apre il carme, proclamando <> e l’inutilità delle tombe. Ma proprio da questa triste visione, emerge l’inno ala vita, alla bellezza della natura, alla gioie dell’amicizia e dell’amore e soprattutto alla dolcezza delle “illusioni” infatti, questa illusione, che tale appare alla luce della ragione, diviene anche l’incentivo che spinge l’uomo a opporre alla perenne metamorfosi delle cose e di se stessi, dai valori che durino infatti nel tempo e diano un significato alla vita. Su questo contrasto, è fondato tutto lo svolgimento della carme, poema della morte e della vita, della loro continua e drammatica compresenza nella incomprensibile e solenne legge della natura. I sepolcri fondano, dunque, una nuova religione tutta laica e terrena, del vivere che se si oppone alla trascendenza cattolica, inconcepibile per il Foscolo, s’oppone anche al credo razionalistico, asaltando il sentimento e l’eroismo dunque, dalla disperazione dell’Ortis, il.