Pirandello: riassunti delle novelle"la carriola"e"la patente"

Appunto inviato da crycall2000
/5

Riassunti delle novelle "La carriola" e "La patente" (1 pagine formato doc)

Un avvocato ripeteva quotidianamente un rito, unico modo per sentirsi vivo tra la piatta vita della sua professione e del suo ruolo sociale.
Era questo un rito particolare, che avrebbe compromesso la carriera del suddetto se fosse stato scoperto. L'unico timore dell'avvocato - professore era che la sua vittima potesse rivelare il segreto, pur nella sua impossibilità di comunicare. Tutto era iniziato in treno, di ritorno da Perugia. Il protagonista si era reso conto, prima sul convoglio e quindi sulla soglia di casa, di non riconoscersi nel suo corpo, nel suo aspetto, nel suo compito di ricercato professionista, marito e padre di famiglia. La sua facciata era stata creata artificialmente, senza alcun intervento dell'individuo che si vedeva usurpata la vita, vita che forse non aveva nemmeno iniziato a vivere.
Chi è impegnato ad esistere non ha infatti tempo di sviluppare questo genere di riflessioni, perché conduce la sua esistenza. Chi conosce e vede la propria vita, invece, ne esce fuori, e smette di trascorrerla.