il Teatro

Appunto inviato da parmafun
/5

Breve spiegazione dell'arte di fare teatro (1 pagine formato doc)

IL TEATRO: IL TEATRO: Nella Grecia antica la parola”teatro” serviva ad indicare sia la gradinata dalla quale si osservava lo spettacolo sia lo spettacolo che veniva messo in scena.
Si presenta come un evento comunicativo che precede da una parte il testo scritto e dall'altra la rappresentazione scenica. Il teatro e i testi narrativi sono legati in un solo aspetto, entrambi hanno lo stesso scopo: comunicare degli eventi, presentare fatti e personaggi. Il teatro si differenzia dalla narrativa nel modo di presentare gli eventi: nel testo non si racconta ma si rappresenta. Il teatro non può fare a meno della narrazione e la narrazione presuppone sempre una rappresentazione mentale.
Nel teatro uno o più personaggi si trasformano in narratori e raccontano ciò che non è avvenuto sulla scena, ma che lo spettatore deve sapere, percepire l'evoluzione della storia. Una narrazione presuppone sempre una narrazione: tutti, quando leggiamo un racconto ce lo rappresentiamo mentalmente , quindi non esisterebbe il piacere della lettura se ciascun lettore non avesse il suo teatro interiore. Nel teatro l'autore deve essere inteso come l'ideatore del progetto infatti ha definito la struttura dell'opera, ha creato i personaggi, ha studiato le singole battute, ha pensato all'ambientazione. Il regista diventa il capo-progetto: in linea con le indicazioni dell'autore da un altro punto di vista, che rispetta il testo da un altro punto di vista che stravolge il messaggio ATTI : sono macrosequenze caratterizzate dall'unità di luogo, i fatti avvengono nella stessa città o in luoghi vicini tra loro. SCENE: unità degli atti, il passaggio da una scena all'altra è determinata dall'entrata o l'uscita di un personaggio o da un cambiamento di luogo. TEMPO: Nel teatro le descrizioni sono inutili perché gli ambienti stanno davanti ai nostri occhi. Sommari sono indispensabili per raccontare veneti che non si possono rappresentare. Le pause riflessive sono affidate ai monologhi dei personaggi. PERSONAGGI: personaggi principali, secondari. Tra quelli principali c'è il protagonista, i comprimari, antagonisti, aiutanti e le comparse. BATTUTE: A ogni singola battuta di un personaggio si da il nome di battuta: Soliloquio: una battuta piuttosto lungo, che un attore pronuncia quando sul palco c'è solo lui. Monologo: battuta di un personaggio che parla mentre gli altri tacciono o non lo ascoltano. Tirata: parla solo un personaggio e tutti gli altri lo ascoltano senza intervenire. Dialogo: lo scambio di battute tra personaggi. Duetto: battute tra due persone A parte :battuta pronunciata da un attore come se gli altri personaggi non lo potessero ascoltare. Fuori campo: le battute vengono annunciate da un luogo non visibile dagli spettatori. RITMO: Lento: se le battute sono lunghe, Veloce: se i personaggi dialogano in modo serrato.