Io sono leggenda: recensione

Appunto inviato da iacorenx
/5

Io sono leggenda: recensione e trama del libro fanta-scientifico di Richard Matheson (3 pagine formato doc)

IO SONO LEGGENDA: RECENSIONE

1.

Autore: Richard Matheson
Titolo: Io sono leggenda
Editore: Fanucci Editore
Prima pubblicazione: 1954
2. Periodo storico: dal 1976-1979
3. Ambiente geografico: I fatti si svolgono in America, in una normale cittadina, deserta nelle ore diurne, ma popolata di vampiri durante quelle notturne. Le vie sono costeggiate di macchine, prevalentemente rotte o guaste dal disuso. La casa del protagonista è completamente barricata e circondata da spicchi d’aglio. Le case vicino ad essa sono state bruciate.
Tutte le altre abitazioni sono utilizzate dai vampiri per tenersi nascosti dalla luce del sole.

Stephen King: trama libri

IO SONO LEGGENDA: TRAMA

4. Contenuto dell’opera: Robert Neville, l’unico uomo immune dal fenomeno inspiegabile che ha trasformato tutta la popolazione in vampiri, deve affrontare ogni notte col terrore che i contagiati possano entrare nella sua casa, adeguatamente equipaggiata per la sopravvivenza, e ucciderlo. Trascorre nella solitudine dunque tutta la sua vita, avendo perso la figlia e la moglie. La sua non è un’esistenza salutare, infatti finisce quasi giornalmente intere bottiglie di whisky per allontanare i tristi ricordi del passato. Oltre a questo, Robert gira la città prima del tramonto, facendo spesa e uccidendo a colpi di picchetto tutti i vampiri. Il senso di colpa spesso lo travolge, ma sa che è la cosa giusta da fare. Ogni mese che passa diventa per lui sempre più forte il desiderio di capire ciò che lo circonda e perciò comincia a chiedersi perché i vampiri siano disturbati dall’aglio e perché solo la luce del sole e un picchetto nel cuore possano ucciderli. Il protagonista allora si arma di libri scientifici e di un microscopio, con il quale scoprirà la vera ragione dell’epidemia: un batterio. Tale scoperta lo porterà, unita ad altri ragionamenti a formare l’ipotesi, riscontrata nella realtà, che esistono due tipi di vampiri, quelli vivi, dotati comunque di una certa intelligenza, e quelli morti,  al contrario, semplicemente comandati dal germe e perciò non troppo pericolosi.

Descrizione del romanzo nero o dell'orrore

IO SONO LEGGENDA: TRAMA LIBRO

Durante i lunghissimi mesi che passano Robert incontra un cane, l’unico essere che dal giorno in cui tutto cominciò, risulta essere sano. Morirà però una settimana dopo essere stato avvicinato, a seguito di un’aggressione vampiresca. Lo sconforto nel protagonista è enorme, ma l’esperienza lo rende cosciente del fatto che potrebbero esserci altre persone immuni, e di conseguenza il cercarle rende alla sua vita nuovamente un senso. Un giorno, infatti, trova in un campo una donna. Il suo nome è Ruth, ma si scoprirà presto la sua identità: è in realtà una spia, mandata dai vampiri, quelli del primo tipo. Quelli che hanno subito una mutazione. Quella caratteristica dei batteri Robert l’aveva sempre tralasciata, commettendo un imperdonabile sbaglio. Ruth, prima di scomparire, rivela però al protagonista chi è lei e lascia un monito, non seguito da Robert. La donna suggeriva la fuga, poiché la nuova generazione di vampiri stava eliminando la vecchia, per creare una nuova società. Mesi dopo, una banda di questi si presentò davanti alla sua abitazione, ammazzando tutti i vampiri, persino quello a cui Robert si era più affezionato a forza di odiarlo e che una volta, da vivo, era stato suo amico. Robert è trasportato quindi alla sede della nuova società, gravemente ferito alla pancia da un colpo di pistola. Dalla finestra della sua prigione vede i “mostri” attendere la sua esemplare esecuzione, tremanti dal ricordo che quello stesso uomo è stato l’artefice della morte dei loro stessi parenti e simili. In quel mondo era proprio lui la più grande minaccia. Una nuova generazione popola ora la Terra e Robert, nell’attimo in cui lo comprende, sa di essere diventato leggenda. Smette di lottare contro la morte e capisce che per lui è finita.

Tutto sui racconti di paura