Fattori di virulenza e carica microbica

Appunto inviato da joey019
/5

Carica microbica infettante: rappresenta la quantità necessaria di proliferazione in un organismo ospite da parte di uno parassita, al di sotto della quale non vi si potrebbe avere un’infezione,essa varia al variare del tipo di parassita (2 pagine formato doc)

L'ironia del destino vuole che CARICA MICROBICA E FATTORI DI VIRULENZA: Carica microbica infettante: rappresenta la quantità necessaria di proliferazione in un organismo ospite da parte di uno parassita, al di sotto della quale non vi si potrebbe avere un'infezione,essa varia al variare del tipo di parassita.
FATTORI DI VIRULENZA: La virulenza, indica il grado di patogenicità di un parassita, il quale può variare anche nei microrganismi appartenenti agli stessi ceppi. Esse possono essere rappresentate da due fattori principali, ossia la produzione di tossine e l'invasività, difatti quest'ultima indica l'insieme di strategie che il parassita attua per invadere e riprodursi tramite i tessuti o organi dell'ospite. Rilevante è quindi la stessa adesività, capacità di inibire la fagocitosi e la produzione di enzimi.
ADESIVITà: consiste nella capacità dei microrganismi patogeni di aderire al substrato esterno della cellula o dei tessuti dell'ospite, sfruttando sia i pili esterni, come ad esempio i flagelli, oppure lo stesso strato lipopolisaccaridico dell'ospite (es.streptococchi ai bronchi); CAPACITà DI INIBIRE LA FAGOCITOSI: tale capacità è dovuta alla presenza di uno strto mucoso, capsula, che difende il parassita rendendolo quindi più patogeno e impedendo così un possibile attacco da parte dei fagociti; PRODUZIONE DI ENZIMI: essi prendo il nome di aggressine, e la loro funzione consiste nel permettere al parassita una migliore penetrazione all'interno dell'ospite, in grado quindi di danneggiare la cellula ospite. I più comuni sono: IALUNORONIDASI: in grado di idrolizzare l'acido ialunorico, e favorire la diffusione dei batteri all'interno dei tessuti; COAGULASI: prodotta da stafilococchi patogeni, permette la coagulazione del sangue proteggendo la cellula; STRPTOCHINASI: prodotto dagli streptococchi, scioglie i coaguli sanguigni, aumentandone l'invasività ed è anche usato in campo medico tra l'altro; COLLAGENASI: scioglie il collageno, proteina necessaria per le ossa, cartilagine e muscoli. Troviamo inoltre rilevanti le emolisine e le leucocidine, che essendo citotossiche, vengono considerate come delle vere e proprie tossine: Emolisine: sono delle sostanze prodotte da alcuni batteri, come gli streptococchi, in grado di dar origine ad un emolisi, ossia aggredire le membrane cellulari formando delle grave lesioni, e ne sono particolarmente colpiti i globuli rossi del sangue, che possono avere una lisi complete (beta emolisi) o, parziale (alfa emolisi); Leucocidine: sono tossine che hanno come cellule-bersaglio i globuli bianche anziché quelli rossi.