La comunicazione interpersonale

Appunto inviato da altuccio
/5

Riassunto e appunti su una piccola parte del processo di comunicazione interpersonale. (2 pagine formato pdf)

La comunicazione fra esseri umani Il processo di comunicazione diventa notevolmente complesso quando sia la fonte emittente sia il ricevente sono esseri umani.
Nel sistema di comunicazione interpersonale (che avviene tra persone) entra in "gioco" un numero elevato di variabili, o di fattori caratteristici, relativi all'essere umano che mette il messaggio e a colui che lo riceve I fattori caratteristici appartenenti alla natura umana, sono molteplici e presenti in maggior o in minor misura, con diversa intensità, sia nella persona emittente sia in quella ricevente. È intuibile che la presenza o l'assenza di particolari fattori nel momento in cui si entra in relazione con gli altri, incida sul modo di trasmettere un messaggio e sulla sua qualità, in termini di contenuti e di espressività; altrettanto, dalla parte del soggetto ricevente, incide sul modo di ricevere, accettare o negare un messaggio.
Ciò significa che se c'è un'alterazione o degli elementi che disturbano il processo di comunicazione interpersonale, la parte ricevente del messaggio può capire cose diverse da quelle che l'emittente voleva inviare prima del rumore simbolico, che può essere uno stato d'animo o qualunque fattore che interferisce nel buon esito del processo comunicativo, tale concetto viene definito simbolicamente rumore nella comunicazione. I fattori personali si inseriscono nel processo di comunicazione, in aggiunta agli elementi tipici necessari per la trasmissione del messaggio, e, inoltre, ne modificano la struttura e la funzionalità. Il processo di emissione del messaggio Da parte del soggetto emittente, il processo di emissione del messaggio è composto di tre elementi base. I. Il riordino delle idee: la persona che intende trasmettere un messaggio a un'altra persona dovrà innanzitutto procedere a "pensare cosa dire", cioè a richiamare le idee e formularne i contenuti mentalmente. II. La concettualizzazione del contenuto: se si tratta di un messaggio che presenta una certa complessità, il soggetto dovrà compiere un'altra operazione mentale, consistente nel concettualizzare ciò che intende esprimere; dovrà cioè verificare il contenuto del messaggio per quanto ne riguarda la logica, la veridicità, l'esattezza, la coerenza generale dell'insieme. In sostanza, si tratta di dare un senso compiuto al messaggio. III. La codifica del messaggio: consiste nella ricerca delle parole giuste, della forma grammaticale, della sintassi, in generale del modo in cui comunicare. Per meglio identificare il concetto di codifica, si pensi di dover comunicare un messaggio in lingua straniera: le prime due fasi del processo formulazione e concettualizzazione saranno comunque sostanzialmente separate e distinte dalla fase di traduzione mentale nella lingua con la quale ci si vuole esprimere per ottenere comprensione dall'interlocutore.ù A questo punto il messaggio è pronto per essere esposto tramite un mezzo di trasmissione (canale). Trattandosi di due persone fisicamente vicine, il messaggio