La condizione psicologica del malato

Appunto inviato da overtherainbow91
/5

Saggio psicologico sulla situazione sociale di un malato (2 pagine formato doc)

La reazione alla Malattia.
Davanti alla conaspevolezza di una disfunziolità più o meno grave del proprio organismo,ogni individuo reagisce in un modo diverso.
Quando si percepisce il pericolo della malattia infatti nascono in noi due differenti reazioni, che crescono in parallelo ma interagiscono tra loro e si alimentano a vicenda.
Una di queste è la "Riposta cognitiva" che cerca di inquadrare il problema razionalmente;così l'individuo, attraverso le sue conoscenze di senso comune, risponderà alle tipiche domande cliniche e si preoccuperà delle ricadute esistenziali della propria malattia.


In parallelo troviamo poi la "Risposta emotiva" ovvero l'insieme di sentimenti quali la paura e la preoccupazione per il cambiamento di vita che si dovrà affrontare.
La risposta emotiva può sfociare in una soluzione illusoria come l'allontanamento della paura attraverso pensieri positivi (evitamento della situazione) o in una soluzione realistica,ad esempio la decisione di presentarsi da un medico(risoluzione).
Ovviamente è preferibile l'atteggiamento di risoluzione in quanto, un individuo che cullandosi in pensieri illusori si tiene a lungo un dolore cardiaco, è più esposto a rischi in contronto ad un individuo sottoposto a periodiche visite mediche.
La scelta di un atteggiamento piuttosto che un altro,secondo vecchi studi,dipende da persona a persona dal grado di paura:una paura forte proterà all'evitamento,una paura più lieve alla risoluzione.
Lo studioso Rogers ha individuato tre fattori necessari affinchè l'individuo riesca a superare la malattia tenendosi lontano dall'evitamento:
-La perdità del senso di invulnerabilità e la convinzione che il problema lo riguardi direttamente,che il pericolo esista davvero
-La fiducia nella sanità e nella cura
-L'autostima.


Lo status di malato
La malattia,per tempi brevi o lunghi,introduce nella vita dell'ammalato cambiamenti significativi.Si può dire che ammalarsi sia come cambiare il proprio grado di vita sociale e venire a trovarsi in una situazione ben diversa da quella abituale.


.