il pensiero

Appunto inviato da topo2002
/5

Che cos'è il pensiero? (2 pagine formato doc)

Il pensiero Il pensiero Per lo psicologo, il “pensiero” è un termine generico che indica un'attività mentale dalle diverse forme.
Analizzeremo quattro aspetti del ragionamento: Il pensiero convergente e quello divergente; La risoluzione dei problemi nelle sue varie fasi; I più comuni ostacoli nel risolvere i problemi; Il pensiero creativo o creatività. Con la fantasticheria, o sogni ad occhi aperti, riusciamo a superare i limiti della realtà e del controllo cosciente, lasciando che il pensiero vaghi completamente libero. La fantasticheria è fatta per il semplice gusto di viverla e può dare il solo, ma importante, risultato della soddisfazione personale; essa nasce dall'insoddisfazione per la realtà e per il desiderio di cambiarla. Con l'immaginazione abbiamo un altro tipo di pensiero “libero”, in quanto creiamo qualcosa di nuovo, qualcosa che non abbiamo mai vissuto prima negli stessi termini.
“Immaginare” significa concepire un'idea di ciò che intendiamo fare. Pensiero convergente e divergente Guilford, ha ordinato le attività di pensiero in due tipi distinti. Il primo è stato etichettato come pensiero convergente, ed è l'attività mentale che offre la risposta giusta, quella e solo quella per risolvere un problema. L'altro tipo di pensiero è stato etichettato come pensiero divergente, ed è l'attività mentale in cui si produce, in piena libertà, il maggior numero possibile di risposte. La risoluzione dei problemi Nella vita quotidiana, i problemi ci accompagnano quasi di continuo. La risoluzione del problema riguarda gli sforzi attivi per scoprire il modo di raggiungere un obbiettivo non facilmente raggiungibile. La comprensione del problema Per riuscire a comprendere bene il problema non dobbiamo porci dei limiti. Nell'esaminare un problema dobbiamo metterne a fuoco le diverse componenti per riuscire poi a definirlo in modo specifico e concreto, e a facilitarne la soluzione. La ricerca della risoluzione Ci sono molti metodi per risolvere un problema, ma ne consideriamo quattro: La ricerca a caso è abbastanza comune; con essa si tentano via via delle soluzioni, finché si trova quella giusta, procedendo per prove ed errori; Ricerca di analogie: si conclude che il problema è analogo ad un altro, noto e già risolto precedentemente, e si adotta quindi lo stesso genere di risoluzione che ha dato risultati positivi; Trovare dei sotto-problemi, cioè nel procedere passo dopo passo in un'analisi sistematica della situazione, scomponendo così il problema in una serie di problemi secondari, o sotto-problemi, più facilmente risolvibili; L'intuizione (o INSIGHT), è l'idea apparentemente improvvisa che permette di risolvere un problema e che non sembra dipendere dai tre metodi esaminati finora. La valutazione del risultato Secondo Janis prima di attuare una risoluzione o una decisione è utile immaginare cosa potrebbe accadere se l'idea non funzionasse. Ostacoli nel risolvere i problemi Quando dobbiamo risolvere un problema,