Stelle e pianeti: riassunto

Appunto inviato da elogic
/5

Concetti astronomici, le stelle e i pianeti del sistema solare a confronto (3 pagine formato doc)

STELLE E PIANETI

Stelle e Pianeti.

L’astronomia e le stelle. Informazioni generali. La scienza che studia l’universo è l’astronomia.
La cupola che ci sovrasta, la VOLTA CELESTE, è ricca di CORPI CELESTI, cioè le stelle, che si spostano, apparentemente, attorno ad un punto fisso: in senso antiorario nell’ Emisfero Boreale, attorno alla Stella Polare o Polo Nord Celeste; in senso orario nell’Emisfero Australe, attorno  alla Croce del Sud o Polo Sud Celeste. In realtà è la Terra che ruota attorno ad un punto fisso che è il Sole.
Le stelle sono corpi celesti che brillano di luce propria; gli antichi astronomi le raggruppavano in costellazioni assegnando loro nomi di animali o personaggi mitologici.
In apparenza il SOLE percorre un’orbita, che prende il nome di Eclittica, la quale attraversa in successione dodici costellazioni, che compongono lo Zodiaco; oltre allo zodiaco tra le costellazioni esistono anche Orione, Orsa Maggiore, Orsa Minore, Cigno, Cassiopea, Drago.
Per indicare le stelle di una costellazione si usano le lettere dell’alfabeto greco.
Per misurare l’intensità della luce delle stelle usiamo il fotometro fotoelettrico. La luminosità di un corpo celeste è descritta da una grandezza detta magnitudine: più una stella è luminosa più la sua magnitudine è bassa,
La magnitudine si divide in apparente, se descrive la luminosità che ci appare, e in assoluta, se è la vera luminosità della stela. Quest’ultima si ricava misurando la magnitudine apparente e calcolando quale magnitudine avrebbe se si trovasse a 32.6 anni luce dalla terra. Si è scoperto così che dopo il Sole la stella più luminosa è Sirio, con magnitudine apparente -1.4.
Inoltre, molte stelle ad occhio nudo appaiono singole, quando in realtà sono legate ad una “compagna”: vengono definite “stelle doppie”.

Pianeti del sistema solare in ordine di grandezza

COSA SONO LE STELLE

Le stelle. Le stelle sono ammassi di materia allo stato gassoso, formate al 73 % da idrogeno, al 14 % da Elio e al 3 % da altri gas. Per conoscere la composizione chimica delle stelle si usa lo spettroscopio, il quale analizza la luce emessa dalle stelle separando le varie radiazioni in base alla lunghezza d’onda; si ottiene così lo spettro stellare diviso in spettro continuo, se il passaggio da un colore all’altro è graduale, o in spettro a righe di assorbimento, quando lo sfondo continuo è interrotto da righe scure sottili causate dall’energia assorbita.
Il colore di una stella, così come per un oggetto, dipende dalla temperatura superficiale: partendo da quella con temperatura più bassa abbiamo le stelle rosse, arancioni, gialle, bianche ed infine (quelle con temperature più elevate) le azzurre; le stelle differiscono anche per le dimensioni, dividendosi in super gigante, gigante, media, nana.

Pianeti del sistema solare: ricerca con immagini

STELLE E PIANETI A CONFRONTO

Le stelle nascono dalle nebulose, nubi di polvere finissime e gas freddi diffuse nello spazio cosmico.. Quando all’interno delle nebulose si innescano dei moti, le particelle della nube si avvicinano e si integrano fino ad aumentare la temperatura della nube gassosa che si trasforma in protostella. A causa della forza di gravità, la contrazione prosegue e nel nucleo, ormai a temperature elevate, si avviano reazioni termonucleari con le quali la stella si espande raggiungendo una fase di stabilità. Una stella si trasforma in gigante rossa o supergigante rossa quando quasi tutto l’idrogeno si è trasformato in elio ed energia e la superficie della stella si allontana fino a quando si raffredda e viene bloccata la sua espansione dalla forza di gravità. A questo punto, se la stella aveva massa piccola, si trasforma in nana bianca e successivamente in nana nera, esaurendo l’elio di cui è composta e riducendo la sua temperatura; se invece la stella aveva massa grande, si trasforma in super nova con una grande esplosione; dopo l’esplosione il materiale che non si è staccato assume una densità elevatissima ed in queste condizioni gli elettroni ed i protoni di fondono a formare i neutroni, trasformandosi così in una stella di neutroni e successivamente in un buco nero, vortice freddo, a senso unico, dove tutto entra ma nulla esce.

Tutto sui pianeti