La spesa pubblica: definizione e classificazione

Appunto inviato da dragonn
/5

La spesa pubblica: definizione e classificazione, istituzioni, gestione amministrativa, effetti della spesa pubblica, teoria moltiplicatore e Keynes (6 pagine formato doc)

LA SPESA PUBBLICA: DEFINIZIONE E CLASSIFICAZIONE

La Spesa Pubblica.

La Spesa pubblica è costituita dall’insieme dei mezzi finanziari impiegati dallo Stato e dagli enti pubblici per il raggiungimento dei fini collettivi.
L’ammontare complessivo della spesa rappresenta il fabbisogno finanziario ossia la quantità di moneta che si rende necessaria alla pubblica amministrazione in un determinato periodo di tempo per la realizzazione di tutti gli interventi prefissati.
Il rapporto fra l’ammontare della spesa pubblica e quello del prodotto interno lordo rappresenta la pressione della spesa pubblica e indica quanta parte del reddito nazionale è gestita ogni anno dalla pubblica amministrazione destinata a fini di interesse collettivo. Questo dato è molto significativo in quanto permette di confrontare l’estensione del settore pubblico rispetto a quella del settore privato e di valutare l’incidenza della finanza pubblica sul sistema dell'economia del paese.

La spesa pubblica: tesina di scienze delle finanze


LA SPESA PUBBLICA: RIASSUNTO

L’incremento della spesa pubblica
La spesa pubblica tende ad aumentare nel tempo.


Wagner formulò la “legge storica di aumento delle spese pubbliche”: negli stati moderni la spesa pubblica cresce in modo progressivo elevandosi secondo un tasso maggiore rispetto al tasso di aumento della popolazione.
Se diminuisce il potere di acquisto della moneta e aumentano i prezzi, il costo di tutti servizi aumenterà e di conseguenza aumenterà l’ammontare monetario delle spese pubbliche anche se nel frattempo è rimasta immutata la sfera di attività dello Stato.
Per misurare l’aumento reale occorre calcolare per ciascun anno le cifre di spesa al netto del tasso di inflazione.
L’incremento reale si verifica quando lo stato si propone la realizzazione di nuovi obbiettivi ed estende la propria attività a nuovi campi di intervento, oppure intensifica la propria attività per la realizzazione degli obbiettivi e degli interventi preesistenti.

Spesa pubblica e imprese: tesina


CLASSIFICAZIONE DELLA SPESA PUBBLICA

L’attività della pubblica amministrazione è indirizzata a due fondamentali finalità:
•    Conservare l’integrità dell’ordinamento collettivo (attività istituzionale)
•    Migliorare le condizioni di vita sul piano sociale ed economico (politica sociale & economica).
L’attività istituzionale garantisce l’indipendenza dello stato all’esterno e l’ordinata convivenza della popolazione all’interno. (difesa militare, relazioni internazionale, repressione dei reati)
La politica sociale ha come obiettivo lo sviluppo intellettuale e materiale della società e il benessere degli individui.
La politica economica ha lo scopo di favorire l’incremento e l’efficiente impiego delle risorse e correggere gli eventuali squilibri del mercato.

La spesa pubblica: riassunto


SPESA PUBBLICA: COMPOSIZIONE

I fattori che influiscono sull’incremento della spesa pubblica sono molteplici, i principali sono:
•    Necessità di un crescente impegno per l’adempimento delle funzioni istituzionali dello stato
•    Elevati investimenti pubblici per le infrastrutture
•    Il sorgere di nuovi bisogni collettivi derivanti dall’industrializzazione del territorio (trasporti pubblici , parcheggi ecc..)
•    L’esigenza di servizi pubblici tecnologicamente + avanzati (posta celere, ferrovie ecc)
•    La richiesta di servizi sociali
•    L’affermazione dei principi costituzionali di solidarietà
•    L’azione dei partiti di massa e dei sindacati
•    La diffusione delle teorie economiche keynesiane.