Principi di equità impositiva

Appunto inviato da petitecoccinelle
/5

Teorie del sacrificio e della capacità produttiva (2 pagine formato doc)

Alla base dello stati di diritto c'è il principio di eguaglianza. Secondo la costituzione "tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali di fronte alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali".
In più si richiede "l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale." A fondamento di questo principio di eguaglianza ci sono l'universalità e l'uniformità dell'imposizione. Secondo il principio di universalità dell'imposizione "tutti coloro che beneficiano dei servizi dello Stato e hanno capacità contributiva sono tenuti al pagamento dei tributi e non sono ammessi né privilegi né esclusioni da tale dovere".
L'onere delle imposte grava su tutte le persone residenti nel territorio dello Stato e anche sui non residenti ma che hanno dei beni immobili in quello Stato o vi esercitano imprese, professioni o altre attività. Ogni sistema tributario prevede casi di esenzione totale o parziale limitati ad alcune imposte e non comportano, comunque, mai l'esonero definitivo da qualunque obbligo tributario.