Descrizione dei terremoti

Appunto inviato da monti16
/5

cosa sono i terremoti. Breve descrizione della formazione dei terremoti, della loro energia, delle onde sismiche e dei maremoti (2 pagine formato doc)

DESCRIZIONE DEI TERREMOTI

I Terremoti.

Un terremoto o sisma consiste in una serie di onde meccaniche che si generano all’interno della terra e propagano energia attraverso le rocce. L’energia che genera le onde si accumula quando la massa rocciosa è sottoposta a sforzi: dapprima essa si comporta in modo elastico, infatti non si frattura subito ma si deforma lentamente ed è in questo modo che accumula energia elastica. Quando viene superato un certo limite di deformazione, la massa rocciosa si frattura in blocchi e così si forma una faglia.
L’energia elastica si libera violentemente come energia meccanica e si propaga sottoforma di onde sismiche; questo modello d’interpretazione si chiama teoria del rimbalzo elastico.
In quanto il movimento lungo una faglia avviene per scatti ricorrenti, i terremoti sono fenomeni ciclici il cui periodo dipende dalle caratteristiche geologiche del territorio e dalle forze che agiscono all’interno del pianeta. Grazie ai dati storici si può ricavare approssimativamente il periodo di ritorno dei terremoti, ovvero il periodo di tempo che intercorre tra due eventi sismici.
Più sono ravvicinati nel tempo, minore sarà l’entità delle scosse.

Cos'è il terremoto e perchè avvengono i terremoti?


ONDE SISMICHE

Onde sismiche. Le onde sismiche vengono registrate grazie ad uno strumento chiamato sismografo il quale tracciato viene registrato sul sismogramma. Ciò permette d’individuare onde di 3 tipi:
-    Onde P, le prime ad essere identificate;
-    Onde S, le seconde;
-    Onde superficiali, suddivide in onde L (onde di Love che provocano scuotimento orizzontale) e onde R (onde di Rayleigh che producono oscillazioni ellittiche).
In ogni caso, le onde sono perturbazioni che trasportano energia, non materia. Il movimento di oscillazione può avvenire in due modi: longitudinalmente, rispetto alla direzione di propagazione dell’onda, oppure trasversalmente rispetto alla stessa direzione.
Le onde P ed S hanno origine contemporaneamente nell’ipocentro, il punto in cui inizia la liberazione di energia. Più sarà profondo, meno sarà violento, anche se l’area d’interesse sarà più vasta.
Il primo punto della superficie raggiunto dalle onde di volume si chiama epicentro e si trova sulla verticale dell’ipocentro.

Descrizione dei terremoti e dei vulcani


COSA SONO I TERREMOTI: L'ENERGIA DEI TERREMOTI

Energia dei terremoti. Premettendo che sismi di uguale energia possono provocare conseguenze diverse in aree con caratteristiche diverse, un sismologo italiano, Giuseppe Mercalli, elaborò una scala di valori composta da 12 gradi allo scopo di misurare l’intensità dei terremoti in modo da classificarli in base all’entità dei danni da essi provocati, chiamata appunto scala Mercalli. Per fare ciò servono analisi dettagliate dei danni subiti degli edifici e questionari distribuiti alla popolazione. In base ai livelli di intensità rilevati si possono ricavare delle carte isosismiche in cui le linee, isosisme, determinano le aree più colpite.