Caravaggio: biografia e opere

Appunto inviato da kiaspizzi
/5

Caravaggio: biografia, stile e opere principali. Descrizione della Canestra di frutta, Bacco, La vocazione di San Matteo, Martirio di San Matteo, Conversione di San Paolo, Crocifissione di san Pietro, Morte della vergine e David con la testa di Golia (5 pagine formato doc)

CARAVAGGIO BIOGRAFIA

Michelangelo Merisi: Il Caravaggio. Michelangelo Merisi è un artista che ha creato attorno a se una leggenda.

Il Caravaggio nasce a Milano verso il 1571, la data non è sicura. Inizialmente si pensava che l’artista fosse nato a Caravaggio un paese vicino a Bergamo di cui era originaria la sua famiglia. Trascorre la sua infanzia a Milano dove la sua formazione è influenzata dal colorismo veneto e dall’importante figura del Cardinale Borromeo, in seguito fatto santo perché era attento ad aiutare i poveri. Comunque all’inizio della sua attività si trasferisce a Roma e li inizia a lavorare nella grande bottega del cavalier D’Arpino che era una tra le più grandi dell’epoca e gli artisti erano smistati per genere: ritratti, nature morte, paesaggi… Il Caravaggio in questa scuola si specializza nella natura morta.
Nell’ambiente romano viene notato e accolto dal Cardinale del Monte, diventa il suo mecenate. Lo introduce intanto nell’ambiente delle committenze. 1599/600 ha una committenza pubblica nella cappella Contarelli, importante perché all’interno della chiesa di San Luigi dei Francescani.

Caravaggio: descrizione delle Sette opere di Misericordia

CARAVAGGIO OPERE

Per questa cappella Caravaggio dipinge 3 tele (Caravaggio non usa mai la tecnica dell’affresco). Queste tele hanno come soggetto le storie dell’apostolo Matteo: il martirio, la vocazione, e san Matteo con l’angelo. Dopo questa commissione pubblica ne segue un’altra in Santa Maria del Popolo nella cappella Cerasi, anche qui avremo altre due tele con tema simile alle precedenti: La vocazione di san Pietro e la morte di san Pietro. Accanto a queste opere pubbliche continua a dipingere tele: morte della Vergine. Mentre si affermava come artista conduceva una vita disordinata, un po’ immorale, dipingeva fino allo stramo per poi passare per taverne a bere. Oltre a questo stile di vita aveva un carattere rissoso, ribelle e al culmine di tutto questo nel 1606 uccide il suo rivale in una disputa e lui rimane ferito. Gli ultimi quattro anni della sua vita così li passa fuggendo da Roma e si spinge sempre più lontano perché si sente braccato. Va a Napoli, poi si rifugia a Malta ma visto il suo carattere crea ancora disordini e così va in Sicilia. In queste sue fughe era aiutato da diverse persone che lo stimavano come artista nonostante la sua vita dissoluta.

Caravaggio: vita e opere

CARAVAGGIO VITA

Questi personaggi cercavano anche di fagli avere la grazia. Dalla Sicilia torna a Napoli e poi in Toscana. Quando sta per ricevere la grazia nel 1610 muore di malaria. La sua vita non ha mezze misure. Un opera commissionata dal cardinal del Monte a Caravaggio è la testa mozzata di Medusa che ha un espressione molto forte. Il sangue le cola dal basso a schizzi e ha gli occhi pieni di dolore ma allo stesso tempo minacciosi.