L'Arte Romana

Appunto inviato da erm85yfets
/5

caratteristiche dell'arte romana, il mosaico, l'arte a ravenna. (5 pagine formato pdf)

Confrontando l'architettura greca e quella romana si può notare un'importante differenza nella concezione dello spazio e delle forme   stesse   dell'architettura.

APPROFONDIMENTO SULL'ARTE ROMANA (Clicca qui >>)


L'architettura   greca  basa   le   proprie   tecniche   costruttive   su   un   principio   che   è   quello dell'architrave appoggiato sui piedritti, sistema che, per essere composto da 3 elementi (architrave e 2 sostegni), è detto trilitico.
L'architettura romana basa invece i propri schemi costruttivi sul principio dell'arco e della volta.
In questo modo i sostegni si fondono con la copertura creando un complesso uniforme, continuo e solido. L'uso sistematico dell'arco e della volta ha permesso ai romani di coprire spazi immensi.

L'ARTE ROMANA NEL CENTRO DEL POTERE (Clicca qui >>)


L'arco è costituito da un insieme di elementi di pietra o di mattoni detti conci. Quello situato nella parte più elevata dell'arco prende il nome di  concio  di  chiave  o  serraglia. Le  linee radiali  riparatrici dei conci si dicono  giunti. Il piano da cui si comincia a costruire l'arco prende il nome di piano di imposta, le linee curve che in basso e in alto delimitano l'arco sono dette rispettivamente  intradosso  ed  estradosso.

RIASSUNTO DELL'ARTE A RAVENNA (Clicca qui >>)


La linea di intradosso prende il nome anche di  sesto. Si chiama  freccia  o saetta o monta la distanza verticale tra il piano di imposta ed il punto più elevato della linea di intradosso, mentre si chiama  luce o corda la distanza fra i piedritti o sostegni. Si dice ancora archivolto o ghiera la parte esterna visibile dell'arco.
L'arco si comincia a costruire dai 2 estremi del piano di imposta.