Ricerca sull'Espressionismo tedesco, austriaco e francese

Appunto inviato da boyfi18
/5

L'Espressionismo tedesco, francese e austriaco: ricerca di storia dell'arte (7 pagine formato doc)

ESPRESSIONISMO TEDESCO, AUSTRIACO E FRANCESE

Espressionismo tedesco, austriaco e francese.

L’espressionismo è una delle prime avanguardie del ‘900 che va dal 1905 al 1925 e che si sviluppa in tutta l’Europa centro-settentrionale ma soprattutto in Germania, a Berlino, Dresda e Monaco di Baviera, Vienna e in tutta l’Austria. In modo particolare inoltre la pittura Giapponese influenzerà moltissimo l’Espressionismo Francese il cui massimo esponente sarà Matisse, dove la linea di contorno e la figura come la natura stessa saranno deformati in funzione dell’artista.

Le fonti principali dell’Espressionismo sia Tedesco che francese saranno le maschere dell’Africa primitiva e le sculture in legno scheggiate dove non c’è niente di anatomico.

ESPRESSIONISMO: CARATTERISTICHE

Con l’Impressionismo si rappresentava una sorta di moto dall’esterno verso l’interno, l’Espressionismo invece costituisce il moto inverso, dall’interno all’esterno: dall’anima dell’artista direttamente nella realtà, senza meditazioni nè filtri. Ecco peraltro spiegata anche la durezza percettiva di tale arte, nella cui realizzazione sono stati banditi tutti gli illusori artefici della prospettiva e del chiaroscuro. La natura stessa dell’Espressionismo è intesa come proiezione immediata di sentimenti e stati d’animo estremamente soggettivi, ricca di contenuti sociali, di spunti dialettici, di drammatica testimonianza della realtà. Una realtà però amara di guerra, di contraddizioni politiche, di perdita di valori ideali, di aspra lotta di classe: e proprio questi sono i temi più dolorosamente cari agli artisti espressionisti.
Alle motivazioni sociali inoltre si aggiungono quelle ideologiche; l’Espressionismo tedesco tende a togliere al mondo ogni sua realtà oggettiva per trasferirla nella sfera del personale, attraverso colori arbitrari e antinaturalistici. L’arte espressionistica è fatta di colori violenti, forme sommarie, modellati angolosi.
In modo particolare l’Espressionismo tedesco avrà un carattere particolarmente di ribellione, per rompere con il passato ed andare contro tutti rinnovando la società.

Espressionismo tedesco: appunti di storia dell'arte

ESPRESSIONISMO TEDESCO: KIRCHNER

Il cui capostipite sarà Ernst Ludwig Kirchner. In questo periodo la categoria del brutto si diffonde sempre di più come si diffonderanno i manifesti di questi artisti per coinvolgere altri giovani a ribellarsi, ma anche per finanziarsi e propagandarsi a scopo economico e per farsi conoscere attraverso le xilografie: un tipo di stampa che si ottiene incidendo lastre di legno, inchiostrando le parti non incise, ponendovi sopra il foglio. Il fascino di questa tecnica consiste soprattutto nella sua incisività e precisione: adottata soprattutto dai Giapponesi. L’uso della stampa artista, come già detto, fu molto care agli Espressionisti; perché una stessa grafica poteva essere prodotta in molto esemplari ed era in grado di raggiungere un pubblico più vasto del quadro ad olio; uno degli scopi infatti degli artisti di questo periodo era quello di coinvolgere più persone possibile e di attirare a sé tutti gli elementi rivoluzionari in fermento.
Gli Espressionisti continuarono a suscitare soprattutto reazioni di indifferenza o di disprezzo, inaugurando una contraddizione destinata a durare per tutto il ‘900.