Art Nouveau

Appunto inviato da schiuss
/5

Una sintesi del movimento Art Nouveau che va da Klimt al Bauhaus, da Olbrich a Horta (3 pagine formato pdf)

Contesto storico
Gli ultimi decenni del XIX secolo sono quelli della seconda rivoluzione industriale, in cui l'Europa conosce un periodo di relativa stabilità politica.

Sono gli anni della cosiddetta belle époque. La maggior parte dei capitali
però resta saldamente concentrata nelle mani di pochi, causando forti sperequazioni sociali.
D’altronde, l'industrializzazione di questi anni non portò sempre i frutti desiderati: numerose attività artigiane, infatti, andarono a morire per la concorrenza spietata dell'industria.
Fu allora che nacque la “Arts and Crafts” di William Morris, un’associazione il cui obiettivo era quello di conciliare la produzione industriale con l’arte, in modo che ogni oggetto, pur se di serie e di basso costo godesse di un certo prestigio artistico.
L’Art Nouveau nasce negli ultimi decenni dell’800 . Il termine è indicativo di per sé dei contenuti innovatori che si vogliono esprimere.
Il patrimonio di esperienza maturato con la “Arts and Crafts” di William Morris confluisce in questa nuova corrente artistica. La presenza di tanti nomi (Art Nouveau, Modern Style, Liberty e Stile Horta) per indicare il medesimo movimento è indice della dimensione e della diffusione del fenomeno. L’Art Nouveau è un impulso che viene dato a tutte le arti decorative e dilaga anche nell’architettura.
 PITTURA
Gustave Klimt
Giuditta I è un dipinto del 1901 nel quale il corpo seminudo dell’eroina è un inno alla bellezza femminile, e al potere incantatore del suo sguardo. Gli occhi socchiusi e le labbra appena dischiuse denotano quasi un
atteggiamento di sfida.