Primo Rinascimento: artisti

Appunto inviato da gaia02
/5

Artisti del primo Rinascimento italiano: Brunelleschi, Masaccio e Donatello con descrizione e analisi delle opere (3 pagine formato doc)

PRIMO RINASCIMENTO: ARTISTI

Il primo Rinascimento.

L'Epoca e la sua cultura. Nel Rinascimento si ha una maggiore conoscenza dell'uomo che viene messo al centro di tutto. In questo periodo infatti, valori come la libertà e la creatività individuali prendono corpo e si estendono dalla politica all'arte, dalla morale alla scienza. Nella sua scoperta di un nuovo modo di vedere il mondo, si rifà all'antichità classica e alla natura, e il movimento che rielaborò gli strumenti per questa rilettura del passato fu l'Umanesimo. Infatti a partire dalla prima metà del 400, architetti, scultori e pittori presero a studiare appassionatamente i resti dell'antichità.
Nonostante il sostegno dato alle arti in questo periodo, il lavoro dei tre grandi artisti del rinascimento, non fu molto adagiato.

Primo Rinascimento: caratteristiche

ARTE RINASCIMENTALE: CARATTERISTICHE FONDAMENTALI

In pittura, soprattutto, le innovazioni rinascimentali si diffondono con difficoltà in quanto i pittori lavoravano per commissione e gli veniva imposto non solo il soggetto, ma anche il modo di disporlo, il tipo di sfondo, i materiali da usare. Diverso è il caso degli architetti e degli scultori, che in questo periodo sono impegnati soprattutto in opere pubbliche dove la sorveglianza e meno stretta e l'artista e libero di lavorare. Nel primo trentennio del secolo le creazioni artistiche più rappresentative nascevano per la gloria della città e avevano un carattere per così dire “democratico”. Nel trentennio successivo invece, si avverte spesso il tono individualistico imposto dai committenti alle opere d’arte.

Teatro rinascimentale: riassunto

L'ARTE DEL 400

Tre grandi innovatori: Brunelleschi, Masaccio e Donatello. I tre grandi protagonisti del primo rinascimento fiorentino furono Filippo Brunelleschi,  Masaccio e Donatello.
Filippo Brunelleschi è considerato il pioniere del rinascimento italiano. A lui è attribuita l’invenzione della prospettiva, cioè di un metodo per rappresentare razionalmente lo spazio.
Masaccio fu il primo artista che cercò di trasporre in pittura gli ideali laici, classicistici e razionali di Brunelleschi. Infatti con lui abbiamo la raffigurazione dell’uomo reale, dotato di sentimenti tereni e soprattutto di un corpo solido, naturale. E questa umanità era collocata in uno spazio costruito secondo le regole della prospettiva brunelleschiana.
Donatello fu il terzo grande innovatore rinascimentale, anche lui andò con decisione contro la tradizione tardogotica e soprattutto ebbe la straordinaria capacità di descrivere gli atteggiamenti e i moti dell’anima. Inoltre nelle sue opere traspare il sentimento personale dell’autore.

Rinascimento privato di Bellonci: riassunto e commento