Il simbolismo e l'Art Noveau

Appunto inviato da erika87
/5

Riassunto dettagliato sui movimenti con analisi delle opere e dei maggiori artisti (3 pagine formato doc)

Il Simbolismo è un movimento caratterizzato da diverse sfaccettature e che coinvolse non solo le arti visive, ma anche la letteratura, la musica e inoltre propose un nuovo modo di vedere la realtà Il Simbolismo Il Simbolismo è un movimento caratterizzato da diverse sfaccettature e che coinvolse non solo le arti visive, ma anche la letteratura, la musica e inoltre propose un nuovo modo di vedere la realtà.
Il movimento fu influenzato dalle nuove teorie filosofiche di Shopenauer, Nietzsche, Bergson; sosteneva che la verità è raggiungibile mediante l'intuizione immediata senza la mediazione della ragione. Era quindi in netto contrasto sia con il Realismo e Naturalismo e sia con la visione positivista della vita e della scienza.
I precursori di questo movimento furono i francesi: Moreau e Redon. Quest'ultimo colorava i suoi quadri utilizzando pastelli poiché riteneva che il colore a olio delineasse contorni troppo definiti. Questa sua tecnica si vede bene nella sua opera più famosa l' “Orfeo”, in cui c'è una testa arancione sfumata al centro di un paesaggio montano; possiamo confrontare quest'opera con una analoga di 50 anni prima di Moreau. Entrambi scelsero come tema la rappresentazione del mitico protettore della poesia, la cui testa è stata mozzata e poggiata su una lira, tuttavia le differenze sono molteplici: Moreau dipinse con grande attenzione fin nei minimi particolari e la lira è sorretta da una musa; Redon invece disegnò la testa sospesa in aria senza essere sorretta da alcuno al di là della forza di gravità, la musa è stata così inglobata alla natura. In Gran Bretagna sulla stessa scia c'erano i Preraffaelliti, che proponevano una pittura prerinascimentale prima di Raffaello, il quale aveva fatto diventare l'artista un pensatore, con il fine di riportare l'umanità ad uno stato di purezza. Tra questi c'era Millais con la sua “Morte di Ofelia” in cui ritroviamo influssi da parte dell'arte romantica per la simbiosi tra uomo e natura. In Francia nel 1899 venne fondato il gruppo dei Nabis, che aveva come manifesto “il Talismano” di Serusier. Da questo manifesto si capisce il ruolo dell'artista, talismano significa profeta in ebraico, e si dichiaravano discepoli di Gauguin. Questo gruppo, da forti connotazioni mistiche, si riuniva in una casa a Montparnasse chiamata “il Tempio”. Tra questi ritroviamo Maurice Denis, il principale teorico del gruppo, con la sua opera “Le muse nel bosco sacro” che mostra il luogo dove nasce l'arte, un posto incontaminato popolato da muse ispiratrici. Un altro grande protagonista è Pierre Bonnard, influenzato dall'arte giapponese e da Bergson, incentrò i suoi quadri sul rapporto che c'è fra cosa vista e ricordo della cosa. Infatti nelle sue opere, come in “La toilette du matin”, l'oggetto ritratto non si trova in posizione accentuata rispetto al resto ma in una posizione casuale come è il punto di vista dell'osservatore. Così l'oggetto ritratt