Storia dei Longobardi: riassunto

Appunto inviato da thestar9590
/5

Storia dei Longobardi: riassunto della storia, economica, cultura e l'invasione dei Longobardi in Italia (3 pagine formato pdf)

STORIA DEI LONGOBARDI: RIASSUNTO

Longobardi.
• Fonti: la fonte principale è Paolo Diacono, un longobardo che nacque a Cividale del Friuli e studiò poi a Pavia e visse a corte.

Alla caduta del regno dei Longobardi egli si fece monaco a Montecassino dove realizzò “l'historia Langobardorum”.
Nella prima metà del VI sec. l'Italia era stata devastata da 20 anni di guerra bizantina-gotica e quando nel 565 Giustiniano muore il governo bizantino diventa sempre + debole e lasciano che i Longobardi approfittassero della situazione.
I longobardi: erano un popolo di origine germanica e nel Vi sec erano stanziati in Pannonia l'odierna Ungheria e i loro costumi feroci e selvaggi erano conosciuti da storici come Tacito che li descriveva come uomini seminudi, dalle lunghi capigliature e dalle lunghe barbe che combattevano con una ferocia e un coraggio senza pari.

L'invasione dei Longobardi in Italia: riassunto


L'INVASIONE DEI LONGOBARDI IN ITALIA: RIASSUNTO

Nel 568: una massa di circa 40 000 longobardi guidata dal re Alboino entrano in Italia dal Friuli, poi nella pianura padana al centro e a sud senza trovare resistenza infatti i Bizantini stremati da tante guerre non li contrastano ma si ritirano nelle loro città fortificate lungo le coste e solo Pavia resistette x tre anni ma poi viene conquistata.
La suddivisione dell'Italia: I longobardi il cui dominio si estese sull'Italia del Nord, sulla Toscana e sui territori di Spoleto e di Benevento, non governano su una sola porzione di territorio e non costituiscono un unico loro impero ma in ciascuna delle + importanti città c'era un duca che governava sul suo dominio. Ai bizantini rimasero la regione intorno a Ravenna, Pentapoli ovvero la zona adriatica, Roma, Napoli, la Puglia, la Calabra e le isole maggiori e dunque si ruppe l'unità politica dell'Italia.
I longobardi in Italia: I longobardi, al contrario di quanto avevano fatto i Goti, non cercarono nessuna forma di collaborazione e di integrazione con la popolazione italica escludendo pure dal potere la classe senatoria italiana e per un certo tempo si comportarono come conquistatori e vissero un'economia di rapina nei confronti dei vinti.

Chi erano i Longobardi: riassunto


RIASSUNTO I LONGOBARDI E L'ASCESA DEL PAPATO

Lotte fra i duchi: Quando Alboino morì nel 572 ci fu un periodo di lotta fra i duchi longobardi ma alla fine venne ritrovata l'unità con l'elezione del re Autari che per rafforzare il potere del re contro i duchi stabilisce che il re deve essere il + ricco proprietario terriero e metà delle terre tolte ai Bizantini diventano sue.

Poi nomina i gastaldi controlli dei duchi e suoi fedeli amministratori, inoltre per cautelarsi contro i Franchi si allea con i Bavari sposando Teodolinda una principessa bavarese.
Agilulfo: Alla morte di Autari salì al potere Agilulfo che sposò a sua volta Teodolinda vedova del precessore. Poi anche lui come la moglie si converte al Cristianesimo sperando così di ottenere l'appoggio del papa contro gli altri germani e grazie a questa conversione migliorò anche il rapporto con la popolazione italica.