Storia del Risorgimento italiano: riassunto

Appunto inviato da alepa
/5

Riassunto della storia del Risorgimento italiano (4 pagine formato doc)

STORIA DEL RISORGIMENTO ITALIANO: RIASSUNTO

Storia del Risorgimento italiano.

L’Italia era stata unita politicamente solo ai tempi dell’Impero romano anche se una nazione italiana, in quanto comunità linguistica, culturale, religiosa e in parte economica esisteva almeno fin dall’epoca dei comuni.
Nella prima metà dell’800 l’Italia conobbe un processo di graduale riscoperta e di sempre più netta rivendicazione della propria identità nazionale.
- 1831: scoppiano insurrezioni nei Ducati di Modena e Parma e in una parte dello Stato pontificio, come conseguenza della situazione creatasi dopo la rivoluzione del luglio 1830 in Francia.
Precedente cospirazione all’interno del Ducato di Modena appoggiata dal duca Francesco IV per creare un Regno dell’Italia centrosettentrionale.
Viene bloccata la rivolta a Modena.
4 febbraio: la rivolta scoppia a Bologna e in tutti i centri principali delle Legazioni pontefice: in Romagna, a Pesaro, Urbino, Ferrara e nei Ducati di Parma e Modena.

Tema sul dibattito politico risorgimentale

RISORGIMENTO STORIA

Fuga di Francesco IV. A muoversi furono i ceti borghesi appoggiati dall’aristocrazia liberale e da una mobilitazione popolare.
Costituzione di un Governo delle province unite.
Organizzazione di un corpo di volontari per marciare verso Roma.
Marzo: intervento militare austriaco.

Repressione.
Estate: nasce in Francia la Giovine Italia.
- 1830-1840: periodo di tentativi insurrezionali organizzati dalla Giovine Italia, tutti falliti.
Regno delle due Sicilie e Stato pontificio: Gregorio XVI si oppone a qualsiasi riforma.
Toscana: viene impedito ogni sviluppo.
Piemonte: vengono attuate caute riforme.
- Inizio anni ’40: incoraggianti sintomi di progresso economico.
- Anni ’40: costruzione di ferrovie con conseguente slancio dell’economia degli stati italiani.

Risorgimento italiano: riassunto

IL RISORGIMENTO: RIASSUNTO BREVE

Progressi nel sistema bancario.
Sviluppo dei porti e della marina mercantile.
Nascita di un orientamento moderato.
Nasce una nuova scuola di pensiero definita “neoguelfa”, il cui principale rappresentante è Vincenzo Gioberti, che propone una confederazione fra gli stati italiani presieduta dal papa.
- 1846-47: accelerazione del moto riformatore.
- Giugno 1846: elezione al soglio pontificio di Pio IX.
Pio IX concede un’ampia amnistia per i detenuti politici liberali e moderati. Si pensa che Pio IX possa essere l’uomo capace di dar corpo all’utopia neoguelfa.
- Primavera-estate ’47: viene convocata una consulta di Stato, viene istituita una Guardia civica e attenuata la censura alla stampa.
- Estate-autunno ’47: il moto riformatore dilaga in tutta Italia.
- 1848: l’Europa viene sconvolta da una crisi rivoluzionaria di ampiezza e intensità eccezionali, come sono da ritenersi eccezionali l’estensione dell’area geografica interessata dalle agitazioni e la rapidità con cui il moto rivoluzionario si diffonde in tutta l’Europa continentale.
Questo fenomeno viene favorito dalla situazione economica di crisi del 1846-1847.
Intervento delle masse popolari urbane

Risorgimento: riassunto breve