Il Risorgimento: riassunto breve

Appunto inviato da leenpha
/5

Spiegazione del lungo processo di unificazione d'Italia: le tappe fondamentali del nostro Risorgimento. Riassunto breve sul Risorgimento italiano (3 pagine formato doc)

IL RISORGIMENTO: RIASSUNTO BREVE

Risorgimento (1815-1870).

Processo di rinnovamento culturale, politico e sociale che consentì la formazione dello stato nazionale in Italia.
IL PIEMONTE STATO-GUIDA. Dopo il fallimento dei moti rivoluzionari, tutti i governi ritornano a forme di conduzione statale reazionarie sotto la protezione delle armi austriache; il Regno di Sardegna, integro nei confini nonostante la sconfitta e guidato (dopo l’abdicazione di Carlo Alberto) dal nuovo re Vittorio Emanuele II, resta ora l’unico Stato costituzionale italiano. A Torino affluiscono quindi gli esuli democratici e liberali degli altri stati, che daranno un notevole contributo all’azione dei governi sardi.
Nel decennio successivo ai moti del ’48 la scena politica Piemontese è dominata dal giovane e capace Camillo Benso di Cavour, espressione del ceto imprenditoriale, ministro dal 1850 e capo del governo dal 1852.

Storia del Risorgimento: riassunto

RISORGIMENTO E UNITA' D'ITALIA: RIASSUNTO

Cavour si fa promotore di un indirizzo politico di stampo riformistico-liberale, adotta provVedimenti per modernizzare l’agricoltura, favorire i progressi tecnici, incrementare la rete ferroviaria, estendere il commercio; in politica estera si avvicina alla Francia di Napoleone III e partecipa alla guerra di Crimea nel 1855-56. Intanto i moti continuano a fallire (1853-1857) e cresce il consenso intorno al Regno di Sardegna: nel 1857 viene fondata la Società Nazionale, che propugna l’unità sotto l’egida della monarchia sabauda e in cui confluiscono molti ex-mazziniani, tra i quali anche Garibaldi.
L’alleanza con la Francia si concretizza nel 1858 con gli accordi segreti di Plombières, in cui si stabilisce di giungere attraverso una guerra congiunta contro l’Austria alla formazione di un regno dell’Alta Italia (con il Piemonte in posizione egemone) e di uno dell’Italia centrale (con la conservazione di una parte di territorio al papa) rispettando l’integrità del Regno delle sue Sicilie; alla Francia andranno Nizza e la Savoia. Napoleone pensa di poter sostituire l’Austria nel controllo della penisola e di poter mantenere Torino in una posizione subalterna.

Risorgimento italiano: tesina

IL RISORGIMENTO: RIASSUNTO STORIA

GUERRA DEL 1859 (SECONDA GUERRA D’INDIPENDENZA) - Il Piemonte aveva rafforzato il suo esercito, cosa che destò la preoccupazione dell’Austria che il 23 aprile 1859 inviava un ultimatum al Piemonte chiedendo il disarmo. Scattava così la clausola dell’intervento francese. Il 26 aprile iniziarono le operazioni militari. Le forze alleate sarde e francesi si concentrarono attorno ad Alessandria che, sotto il comando di Napoleone III, adottarono il piano di aggirare gli austriaci e di entrare in Lombardia attraverso il ponte di Boffalora sul Ticino.

Risorgimento italiano: riassunto

IL RISORGIMENTO: RIASSUNTO BREVE DI STORIA

Il primo scontro, a Monte Bello, riuscì vittorioso per le forze alleate (20 maggio). Nel frattempo si svolgevano le operazioni, coronate da successo, guidate da Garibaldi nelle zone di Varese e Como. Il 4 giugno i franco-sardi ottennero un primo importante successo a Magenta. Il giorno dopo le forze austriache iniziarono la ritirata. L’8 giugno Napoleone III e Vittorio Emanuele II entrarono in Milano.