Anno Mille: storia

Appunto inviato da ieta77
/5

Presentazione sintetica dei principali mutamenti della storia dell'anno Mille (4 pagine formato doc)

ANNO MILLE STORIA

Storia.

Durante il Medioevo il clima cambiò molto e diventò più caldo e umido così i rendimenti dei raccolti migliorarono.
Aumentò la produzione agricola e così la popolazione aumentò perché le persone erano più nutrite e sopravvivevano meglio alle malattie.

I monaci facevano profezie in merito alla fine del mondo ed in particolare l’abate Abbone scrisse che il mondo sarebbe terminato con l’anno 1000.
Leggendo le cronache di questo periodo possiamo dire che ci furono carestie ed epidemie ma la gente non pensò mai che il mondo stesse per terminare perché la maggior parte della popolazione non sapeva di essere nell’anno 1000.


Per lavorare i campi venivano impiegati i buoi anche se erano lenti e adatti solo per alcuni lavori.
I romani usavano il cavallo, ma siccome il cavallo tirava mediante una cinghia di cuoi che passava attorno al collo, il cavallo non poteva tirare molto perché rischiava di soffocare.
Con la rotazione triennale della terra fu possibile  produrre abbastanza avena per mantenere i cavalli.
Poi fu adottato un collare rigido e imbottito detto “di spalla” che veniva fissato al petto dell’animale e non attorno al collo.

Riforma della chiesa nell'anno Mille

ANNO MILLE: FINE DEL MONDO

I primi aratri utilizzati erano fatti di legno e facevano un piccolo solco.
Poi successivamente fu aggiunto un versoio e cioè una specie di orecchi di metallo che rivoltava la terra in profondità e permetteva di avere un raccolto migliore.
Se il terreno da arare era in pianura all’aratro furono aggiunte le ruote così il cavallo poteva tirare con minore sforzo.
Dopo la semina si passava l’erpice per chiudere i solchi.

Poi sorsero numerosi mulini: per macinare il grano, per spremere le olive, per segare il legno, per lavorare i metalli.
I mulini ad acqua erano già conosciuti nell’antichità romana ma non erano utilizzati perché venivano utilizzati gli schiavi.
Poi a partire dal XII secolo scomparvero i mulini a vento.

ANNO MILLE: RIASSUNTO DI STORIA

I grandi proprietari terrieri, i laici e gli ecclesiastici si accorsero di poter guadagnare di più grazie alle innovazioni tecnologiche e così convinsero i contadini a far produrre al massimo i terreni.
Inoltre furono bonificati molti terreni e abbattute foreste per ricavare dei terreni da coltivare.

I signo, gli abati ed i conti offrirono condizioni di favore ai contadini in cambio delle loro fatiche.
Infatti i signori concessero ai contadini le carte di franchigia con le quali veniva limitato il potere del signore.
Inoltre i contadini diventarono un po’ più ricchi e così poterono comprare dei piccoli pezzi di terreno oppure li presero in affitto.
Comunque oramai l’agricoltura produceva molto di più e così i prodotti potevano essere venduti al mercato.

I contadini che diventarono proprietari di terreni cercavano di farli rendere al massimo e poi cominciarono ad associarsi tra di loro per comprare altri terreni oppure per comprare un attrezzo che costava molto.
In questo periodo fu molto importante il ruolo dei cistercensi infatti accanto alle abbazie sorsero i villaggi dei contadini.