Barbari: chi erano e da dove venivano

Appunto inviato da camicamicamicami
/5

Chi erano i barbari per i romani, da dove venivano e come vivevano i barbari: riassunto (2 pagine formato docx)

BARBARI: CHI ERANO E DA DOVE VENIVANO

I Barbari.

Le migrazione dei popoli barbari da oriente verso occidente furono un processo lungo e complesso. Nell’anno 375 (anno cruciale) la pressione degli Unni sospinse uno dei maggiori popoli germanici, i Goti, ad oltrepassare il confine. Gli Unni provenivano dalle steppe asiatiche e quando comparvero intorno al 350 provocarono un effetto catena (sospinsero verso occidente le popolazioni germaniche prima stanziate nell’Europa Orientale). Così cominciò l’ultima parte delle cosiddette “Invasioni Barbariche”, in pochi anni le popolazioni germaniche che prima premevano per oltrepassare il limes (confine) arrivarono a superare il Reno ed il Danubio.

Le invasioni barbariche e l'inizio del Medioevo: riassunto


CHI ERANO I BARBARI PER I ROMANI

I Germani erano un vasto assortimento di genti simili che parlavano un unica lingua indoeuropea. Provenivano dall’Europa Settentrionale (circa Scandinavia).

Si stabilirono poi negli ampi spazi confinati con l’impero romano. Erano un gruppo di tribù irrequiete ne fu la prova il saccheggio del Santuario di Delfi del 280 a.C. Esistevano 3 stirpi principali:
- Alamanni, insediati nel territorio del attuale Germania nel III secolo;
- Franchi, nella zona renana;
- Goti che si dividevano in Ostrogoti e Visigoti nell’area Danubiana e sul Mar Nero.
In Oriente i germani si fusero con le popolazioni iraniane e lo stesso fecero quelli dell’Europa Occidentale con i Galli ed i Celti. In settentrione (sull’imbocco dell’Elba) vivevano una popolazione germana chiamata Sassoni che divennero marinai, mercanti e pirati.

Le invasioni barbariche e l'Impero romano: riassunto


DA DOVE VENIVANO I BARBARI

I Galli dopo la conquista romana si erano lasciati romanizzare dando vita ad una fiorente civiltà urbana; invece i clan germanici erano fieri della propria indipendenza, legati alle tradizioni nomadi e guerriere. I Galli vivevano nell’attuale Francia al di qua del fiume Reno, mentre i popoli germani vivevano nell’attuale Germania, Scandinavia, Europa orientale e al di la del fiume Reno. I Galli furono sconfitti e sottomessi da Cesare nel 52 d.C., mentre i germani sconfissero Augusto nel 9 d.C. nella battaglia di Teutoburgo. I Galli furono romanizzati e integrati nell’impero, mentre i Germani non furono mai romanizzati.

Chi erano i barbari per i romani: riassunto


COME VIVEVANO I BARBARI

Le genti germaniche erano per lo più nomadi anche se più avanti (intorno al III-IV) diventarono seminomadi e sedentarizzati dedicandosi all’estrazione di metalli, alle saline, all’agricoltura o all’allevamento. In ogni villaggio viveva un unica etnia divisa in uomini liberi, semiliberi e schiavi. Gli uomini liberi erano divisi in famiglie chiamate fare o sippe. L’uomo aveva potere assoluto sui membri della sua famiglia. Il matrimonio era di tipo monogamico. Gli uomini liberi detti arimanni erano gli unici a poter portare le armi (guerra e caccia). Era una società di tipo militare e il centro della vita politica era l’assemblea dei guerrieri (ding).